Skip to main content

Full text of "Bollettini ECN Milano"

See other formats


0?40F1 ! E10èG0*0 ) =A§7Q3Q6l>Q470Fl ! E10èG0*0 ) K3L8S9S< 1K4S : A20F1 ! E10èG0*0 ) L=N2S9S< 1L>S : A20F1 ! E1 
/èG0*0)N70<S9S<lN8S:A20Fl!E10èG0*0)PlQ6S9S<lP2S:A20Fl!E10èG0*0)Q;S0S9S<lQ<S:A20Fl!E10èG0*0)S5 
: : S9S< 1S6S : A20F1 ! E10èG0*0 ) T?V4S9S< 1U0S : A20F1 ! E10èG0*0 ) V9W>S9S< IV : S : A20F1 ! E10èG0*0 ) X3Y8S9S<1X4 
J : A20F1 ! E10èG0*0 ) Y= * 2S9S< 1Y>S : A20F1 ! E10èG0*0 ) * 7?<S9S< 1 ° 8S : A20F1 ! E10èG0*0 ) él * 6S9S< lé2S : A20F1 ! E 
-0èG0*0 ) ‘ ; ùOS9S< 1 ‘ <S : A20F1 ! E10èG0*0) Ù5a : S9S<lù6S : A20F1 ! E10èG0*0 ) a?c4S9S< lbOS : A20F1 ! E10èG0*0) c 
)d>S9S<lc:S:A20Fl!E10èG0*0)e3f8S9S<le4S:A20Fl!E10èG0*0)f=h2S9S<lf>S:A20Fl!E10èG0*0)h7i<S9S<lh 
3S : A20F1 ! E10èG0*0 ) j lk6S9S< 1 j2S : A20F1 ! E10èG0*0 ) k ; mOS9S< lk<S : A20F1 ! E10èG0*0) m5n : S9S< lm6S : A20F1 ! 
310èG0*0 ) n?p4S9S< loOS : A20F1 ! E10èG0*0 ) p9q> S9S< lp : S : A20F1 ! E10èG0*0 ) r3s8S9S < 1 r4S : A20F1 ! E10èG0*0) 
3=u2S9S<ls>S:A2OFl!ElOèGO*O)u7v<S9S<lu8S:A2OFl!ElOèG0*O)wlx6S9S<lw2S:A2OFl!E10èGO*O)x;zOS9S<l 
<<S : A20F1 ! E10èG0*0 ) z5à : S9S<lz6S : A20F1 ! E10èG0*0 ) à?è4S9S< 1ÒOS : A20F1 ! E10èG0*0) è9ì>S9S< lè : S : A20F1 
!E10èG0*O)3A§8S9S<l4S:A2OFl!ElOèGO*O)A§=AB2S9S<lA§>S:A2OFl!ElOèGO # O)AB7AC<S9S<lAB8S:A2OFl!ElO 
jG 0*0 ) ADI AE6S9S< 1AD2S : A20F1 ! E10èG0*0 ) AE ; AGOS9S< 1AE<S : A20F1 ! E10èG0*0 ) AG5AH : S9S< 1AG6S : A20F1 ! E10 


2G0*0 ) AH?AJ4S9S< 1AIOS : A20F 1 , 
3G0*0)AM=A02S9S<1AM>S:A20F ' 
2G0*0 ) AR ; ATOS9S< 1AR<S : A20F 
2G0*0 ) AW9AX>S9S< 1 AW : S : A20F 
\4K>X? ‘21K5Y07B0F1 ! ElOèGO* 
-.4YOOBOF1 ! E10èG0*0 ) K1K8X?\ 
)èG0*0 ) K7L9Z? ‘ 21L0 * 070F1 ! E 
f7*21L<Y8232l6322111306"3£ 
30F1 ! E10èG0*0 ) 0<0?X? ° 210=^ 
<?*21P3Y0222313l408!4!3"3" 

) Q6R2X?Z01R0Y> !&!£"££" "0F1 
’2£l£lt0$ !&!£"£" "FI ! ElOèGC 
36 y 823216322111306"3£2£0£" 
2G0*0) U2U8X7Z01U3Y0221304 ! 
t 0)U2U9Z0“21U6Zll405!3!l"2 
Il ! 3"40321304 ! 3£2£0F1 ! ElOè 
50£"! ! ! £0"1! 11 !2F1! ElOèGO* 
flX? *21X?Y00B0F1 ! E10èG0*0) 
L"2Fl!E10èG0*0)X:Y4Z?°21X; 
30*0) Z0Z7X7Y21Z1Y040F1 ! E1C 
3*0)Z?*5Y: *21°0Y;0A01322F1 
; ’2Y: Y=1Z<Y ; 40F1 ! E10èG0*0 ) 


t iti r\xnr\*r\ \ a th nv\ono/i a t.o. a nnni r\x/^r\ìkr\ \ a 


E C N 

MILANO 

G I 

ORNALE 

TEL 

EMATICO 

0 T 

T 0 B R E 

1 

9 9 1 


L3AM8S9S<1AL4S : A20F1 ! E10 
Q1AR6S9S< 1AQ2S : A20F1 ! E10 
U?AW4S9S<1AV0S : A20F1 ! E10 
X?Z=1K6Y06A ; FI ! E10èG0*0) 
0B0F1 ! E10èG0*0 ) L3L6X? * 21 
0*0 ) K1K : Z? * 21K2 0 060F1 ! E1 
22632123F1 ! E10èG0*0 )L;M< 
! E10èG0*0 ) 0 ; 0>X? * 210<Y00 
f 3"3£2*0F1 ! E10èG0*0 ) P2P ; 
2203"2£1£1&0$F1 ! E10èG0*0 
! E10èG0*0 ) Q8R1X? ‘ 21Q9 0 02 
123F1 ! E10èG0*0 ) R5S6Y7 * 21 
1 ! 3"40321304 ! 3£2£0F1 ! E10 
0£" ! ! ! £0” 1 ! 11 ! 2F1 ! ElOèGO 
0)V7W7X?Z01V9Y612!1! !0"1 
8Y=“21W1Y>21231305!3!1£2 
°21X>Y00B0F1 ! E10èG0*0)X> 
Y6Y=X?Z31Y7Y022111305!3! 
) Z4Z7X? * 21Z5Y00B0F1 ! ElOè 
? Y ; 0A01332203"2£F1 ! ElOèG 


’21° ;Y;0A5Fl!E10èG0*0)Z 
b" =Y: Y=1 °7Y ; 40F1 ! E10èG0*0) °9gOZ?°21° : ‘040F1 ! E10èG0*0) g2éOY : Z<lg=Y> 
1£06 ! £ ! "" ! $0"1 ! 2031122532112F1 ! E10èG0*0) g2éOY> ,> 21g3Y?122153221105 ! 1"2$0" " ! ! ! £06l£Fl ! E10èG0*0) 
'4_1Y:Z<1‘9Y;"1!2!303131122202"1!1£0£!£!" " ! FI ! E10èG0*0) ~8‘=Y: Y=1 ' ; Y ; "0F1 ! E10èG0*0) *5‘9Y ; Z : 1 ‘7 
/<!306l3Fl!E10èG0*0)‘<_0Y;Z:l*=Z8l£0&!£Fl!E10èG0*0) '=_3 Y:Z01 ‘ >Y>1 " 2!01 " 0F1!E10èG0 *°)‘3_3Z6 o 6l 
‘6Z7!l!3021331503211Fl!E10èG0*0)‘2_3Z<° ;l‘4Z=113250311302!3£0&0£0!£0"l£3!Fl!E10èG0*0)_6ù6Y: “2 
1_8Z4<00£!£! " "!£0£l"3!503l42332203"Fl!E10èG0*0)ùlù6Z: *01ù2Z>2£Fl!E10èG0*0)ùlù5Y;Z6lù3Z40^!£Fl 
!E10èG0*0)_7_?Y: •21_=Y;"1"3! 503l42322Fl!E10èG0*0)ù9a7Y:Z<la4Y>l£06 !£!""! $0"1!2031122532112F1! 
310èG0*0)ù9a7Y>°21ù:Y?122153221105!l"2$0""! ! ! £06l£Fl ! E10èG0*0) a<b7X? °21a=Y00A: 1422202" 1£F1!E1 
0èGO*O) a=b2X? °21a>Y00A: 1412F1 ! E10èG0*0) a9b4Y : Y=la: Y ; 80F1 ! E10èG0*0) b :b?X?Y51b<Y0!2111 ! ! "FI ! E10 
èG0*0)b;b>Y: °21b<Y;0A5Fl!E10èG0*0)b<b?Y: °21b=Y;0A5Fl!E10èG0*0)b8b?Y:Y=lb9Y;40Fl!E10èG0*0)b8c2 
Z? , 21b9°070Fl!E10èG0*0)c4d2Y:Z<lc?Y>l£06!£!""!S0 ,, l!2031122532112Fl!E10èG0*0)c4d2Y>°21c5Y?1221 
53221105! 1"2$0"" ! ! !£06l£Fl!E10èG0*0)d5e5Y: °21e2Y?!2111!0""£"!£0£l"3!503l4233220Fl!E10èG0*0)d= 
e5Z: •21d> , 03"2£Fl!E10èG0*0)d6d>Y:°21d<Y;"l"3!503l42322Fl!E10èG0*0)e8f8Y: , 21e:Z4<00£!£!""!£0£l 
"3 ! 503l42332203"Fl r E10èG0*0 ) f3f 8Z : • Olf 4Z>2£F1 ! E10èG0*0 ) f 3f7Y ; Z6lf 5Z40^ ! £F1 ! E10èG0*0 ) e9f 1Y : ° 21 
e?Y ; "1 "3 ! 503142322F1 ! E10èG0*0 ) g=h8X ? 0 21g> YOOA : 1422202" 1£F1 ! E10èG0*0 ) g>h3X? * 21g?Y00A : 1412F1 ! E1 
0èG0*0)g:h5Y: Y=lg; Y ; 80F1 ! E10èG0*0) h; i ; Y : °21h=Y>01 ! 00! 1"2! 402112130 : 1312F1 ! E10èG0*0) ±5i<Y= *21i 
6Y>0=132210Fl!E10èG0*0)h:i8Z0 ,> 21i6Zl!l&2£l!3031332302"2£Fl!E10èG0*0)h;ilZ3‘21h?Z4"l!3031322Fl 
!E10èG0*0)i>j<Y:Z<lj9Y>l£06!£!""!$0"l!2031122532112Fl!E10èG0*0)i>j<Y>*21i?Y?122153221105!l"2$ 
0" " ! ! ! £06l£Fl ! E10èG0*0 ) klk<X? ' 21k2Y00A : 1422202" 1£F1 ! E10èG0*0 ) k2k7X? * 21k3Y00A : 14 12F1 ! E10èG0*0 ) 
j>k9Y:Y=lj?Y;80Fl!E10èG0*0)k?l4x?Y5111Y0!2111! !"Fl!E10èG0*0)1013Y: •2111Y;0A5Fl!E10èG0*0)lll4Y 
: •2112Y;0A5Fl!E10èG0*0)k=l4Y:Y=lk>Y;40Fl!E10èG0*0)k=17Z?*21k>°070Fl!E10èG0*0)19m9Y: *211;Z4<00 
£ ! £ ! " " ! £0£1 "3 ! 503l42332203"Fl ! E10èG0*0) m4m9Z : * 01m5Z>2£Fl ! E10èG0*0 ) m4m8Y ; Z6lm6z40% ! £F1 ! ElOèGO* 
0 ) 1 : m2Y : ‘ 21mOY ; " 1 " 3 ! 503 142322F1 ! E10èG0*0 ) m>nlY: ’21m?Y ; 0A5F1 ! E10èG0*0 ) m?n2Y : * 21nOY ; 0A5F1 ! ElOèG 
0*0) m?n;Y:Z6lnOZ4l^2£2! 301102! 1! ! 1"F1 ! E10èG0*0)m;n2Y: Y=lm<Y;40Fl ! E10èG0*0)m;n5Z? °21m< °070F1 ! E 
10èG0*0)n=o=Y: “21n?Z4<00£! £! "" !£0£1"3! 503l42332203"Fl !E10èG0*0)o8o=Z: “01o9Z>2£Fl !E10èG0*0)o8o 
<Y;Z6lo:Z40^!£Fl!E10èG0*0)n>o6Y: *21o4Y; "l"3!503l42322Fl!E10èG0*0)qlq6X?Y51q3Y0!2111! ! "FI! ElOè 
G0*0 ) q2q5Y : ’ 21q3Y ; 0A5F1 ! E10èG0*0 ) q3q6Y : • 21q4Y ; 0A5F1 ! E10èG0*0 ) p?q6Y : Y= lqOY ; 40F1 ! E10èG0*0 ) p?q9Z 
? * 21q0 0 070F1 ! E10èG0*0 ) q=rOY : , 21q>Y;0A5Fl ! E10èG0*0)q>rlY : “21q?Y ; 0A5F1 ! E10èG0*0) q>r<Y: °21q?Y?2£ 
3!2031130AlFl!E10èG0*0)r5r;Y:°21r6Y;21130AlFl!E10èG0*0)q:rlY:Y=lq;Y;40Fl!E10èG0*0)q:r4Z?°21q; 
°070Fl!E10èG0*0)r5r?Z? o 21r6°070Fl!E10èG0*0)s3s>X? ,> 21s4Y00A:l422202"l£Fl!E10èG0*0)s4s9X?'21s5Y 
00A:l4l2Fl!E10èG0*0)s0s;Y:Y=lslY;80Fl!E10èG0*0)t0u0Y:‘ , 21t2Z4<00£!£!""!£0£l"3!503l42332203"Fl! 
E10èG0*0) t ;uOZ : ‘01t<Z>2£Fl ! E10èG0*0) t ; t?Y ; Z6lt=z40% ! £F1 ! E10èG0*0) tlt9Y : *21t7Y; "l"3!503l42322F 
1 ! E10èG0*0 ) u5u8Y : 0 21u6Y ; 0A5F1 ! E10èG0*0 ) u6u9Y : * 21u7 Y ; 0A5F1 ! E10èG0*0 ) u6v2Y : Z6lu7Z4l %2Z2 ! 301 102 ! 
1 ! ! 1 "FI ! E10èG0*0) u2u9Y : Y= lu3Y ; 40F1 ! E10èG0*0 ) u2u<Z? • 21u3 ° 070F1 ! E10èG0*0 ) v6v9Y : ° 21v7Y ; 0A5F1 ! E10 



ESPERIMENTO DI GIORNALE TELEMATICO 


E’ stata aperta l’area [1 8] Giornale Telematico dedicata ali’upload di articoli 
datutte le situazioni per il giornale telematico nazionalea cura dell’E.C.N. 

Si tratta di un esperimento in attesa di poter contare sull’attivazione di piu’ 
nodi in tutta Italia con le funzioni interattive in rete. 

DA OGGI (22/09/91) AL 1 OTTOBRE QUEST’AREA SARA’ A DISPOSI- 
ZIONE DI CHI VUOLE SCRIVERE SUL GIORNALE. DAL2AL7 OTTOBRE 
OGNI SITUAZIONE AVRA’ ILTEMPO DI EDITARLO, OVVERO DI STAM- 
PARLO, FARNE BOLLETTINI, MANIFESTI, SCRIVERLO SUI MURI, LEG- 
GERLO PER RADIO ecc. 

Invitiamo tutti a scrivere articoli non solo di riporto di notizie ma con 
dibattito politico DEL/NEL Movimento. 

LA TESTATA E’ UNICA PER TUTTI ED E’ QUELLA DELL’ECN DI OGNI 
SITUAZIONE. 

Dalla Redazione dell’ECN 


************************ 


AWISO IMPORTANTE A CURA DELL’ECN 

Per chiunque avesse del materiale interessante da destinare alla distribu- 
zione nel circuito internaziona le. 

Basta immettere le notizie che si vuole siano portate a conoscenza delle 
realtà’ europee di movimento nell’area [1 9] appositamente dedicata all’inter- 
scambio DA/PER l’estero. Queste dovranno essere RIGOROSAMENTE 
tradotteci INGLESE e naturalmente il piu’ concise possibile (vistoche il costo 
grava interamente sull’ECN). 


************************ * ** 



E] Firenze 

PER LA COSTRUZIONE DI UN’AGENZIA DI COMUNICAZIONE 

E Padova 
CYBER.DOC 
Release 2.0 

E Bologna 

IL DISCORSO DELL’ORDINE E L’AUTONOMIA VIRALE 
Note sulla sostanza illusoria della citta’ 
e sul suo immaginario disciplinare 

E Padova 

LADY 3 JANE E LA NUOVA DESTRA 
ovvero ontologia del cyberspazio 

E Brescia 

NELLE FOGNE DEL NUOVO ORDINE 
Spunti per il dibattito su razzismo 
e "nuova destra sociale" 

E Firenze 

IL PROGETTO "FIRENZE DEL 2000" 

Tra ristrutturazione produttiva 
e ristrutturazione urbanistica 

Wi Roma 

ESTATE ANTIMPERIALISTA CONTRO LA NATO 

E Milano 

PARCO LAMBRO ’91 
Mozione conclusiva 

E Firenze 

COME NASCE IL NARCOTRAFFICO 
Una storia esemplare: LA COLOMBIA 




il Firenze 

PER LA COSTRUZIONE DI 


UN'AGENZIA DI COMUNICAZIONE 


Questo documento, oltre a presen 
tare un progetto di massima per la 
creazione di un'Agenzia di Co- 
municazione, è un esplicita propos- 
ta a lavorare ed a collaborare con 
essa. Il documento si divide in due 
parti. Una prima parte dove si deli- 
nea il ruolo della comunicazione 
nel sistema-mondo e, ciò che noi 
intendiamo per comunicazione. 
Una seconda parte che mette a 
fuoco la necessità di agire sul ter- 
reno delia comunicazione e individ- 
ua dei primi terreni di applicazione. 
Quello che proponiamo è un siste- 
ma comunicativo non una serie di 
momenti staccati fra loro, li proget- 
to funziona se riesce a mettere in 
atto meccanismi di comunicazione, 
capaci di fare tendenza in città, ca- 
paci di contribuire al superamento 
dell'esistente. Per far questo oc- 
corre l'energia, l'impegno diretto, la 
creatività, il sostegno finanziario di 
tutti coloro che ritengono necessa- 
rio il superamento dello stato di 
cose presente. Pensiamo che oc- 
corra un lasso di tempo (grosso 
modo da ora all’autunno) in cui 
sperimentare le funzioni di agen- 
zia. 


1. COMUNICAZIONE E DOMI- 
NIO UN BINOMIO INSCIN- 
DIBILE 

Nel villaggio globale della società 
massmediata che si avvale dei sat- 
elliti la Comunicazione ha la natura 
di merce eccellente, consentendo, 
oltre alla valorizzazione dei profitti 
delle industrie del settore, la valo- 
rizzazione di tutte le altre merci. 
Processo, questo, che avviene at- 
traverso la costruzione di un senso 
comune capace di determinare 
status Symbol e di indurre 'bisogni' 
di consumo. Senso comune che 
non serve solamente ad imprimere 
particolari tendenze al mercato 
mondiale, ma trova la massima es- 
pressione ne! legittimare le forme 
di dominio e di comando. Non solo 
l'opinione pubblica è espressa da 
chi e da come i media vogliono far 
parlare, vogliono far vedere; il 
senso comune pretende di identifi- 
care e far identificare l’opinione 
pubblica con l’interesse generale. 
Interesse generale costituito dalle 
■magnifiche e progressive sorti del 
capitalismo' - il profitto. La comuni- 
cazione non costruisce l'opinione 


pubblica, come troppi continuano a 
pensare, la sostituisce, la esautora. 

L’esempio della guerra del Golfo è 
troppo vicino per non essere rivisi- 
tato. Come tutti gli specialisti anche 
gli esperti di comunicazione sono 
incorsi nell'errore di assolutizzare 
la propria branca separata di com- 
petenza finendo perdimenticare al- 
cune elementari verità : 

- le strutture e le tecniche della co- 
municazione sono esse stesse fi- 
glie delle guerre e della ricerca 
militare (codificazioni, satelliti...) ; 

- la comunicazione di per sè ris- 
ponde ad una logica di guerra, dal 
banale potere di dire e non dire al 
controllo dei tempo, alla simula- 
zione delia realtà fino alio sdoppi- 
amento di essa ; 

- la comunicazione è una delle 
armi strategiche sia nei confronti 
dell'avversario che degli eventuali 
movimenti disfattisti nelle retrovie è 
perciò indispensabile oscurare 
l’orizzonte esplorativo dell’opinione 
pubblica ; 



- Cieaning for... non è un salto in- 
dietro nel tempo imposto da retrive 
gerarchie militari. ETapplicazione 
del complesso militar-comunicativo 
deH'imperialismo della lezione del 
Vietnam. 

I bombardamenti su Hanoi, sulla 
pista di Ho chi min fecero il giro del 
mondo dando, molti anni prima del 
film, l’idea dell’Apocalypse now. 
Immagini che hanno avuto un effet- 
to simile ai giovani di Tien an men 
che resistono di fronte ai carri ar- 
mati. immagini che l'imperialismo 
circuita solo se avvengono al di 
fuori del proprio campo di dominio, 
Proprio per evitare effetti Vietnam. 

aono bastate semplici misure : 

- limitare le immagini. Hanno il di- 
fetto di finire per travolgere le pa- 
role dei commentatori. Vanno sele- 
zionate, sottoposte ad opera di ta- 
glio e ricucitura per confezionare 
messaggi che siano inequivocabili 
come segno e senso ; 

- Far passare come agente di guer- 
ra solamente l’avversario. Sordo e 
sprezzante di ogni inziativa intra- 
presa dai nostri politici e diplomati- 
ci, insensibile agli appelli lanciati 
delle più alte autorità morali (Papa 
polacco) ; 

- Stordire l'ascoltatore bersaglian- 
dolo con comunicati criptici ed in- 
terviste ai potenti che hanno il du- 
plice scopo di farlo sentire inca- 
pace di intendere ed al tempo stes- 
so rassicurato dal fatto che i suoi 
interessi sono comuni a quelli di 
tutto il ‘Mondo libero 1 ; 

- Far pesare l'avvenuta soprapposi- 
zione fra media ed opinione pubbli- 
ca, cosicché è tutto un problema di 
specialisti ed operatori dell'informa- 
zione. La voce popolare non può 
sparire daH’immaginario collettivo, 
compito che viene assolto dai son- 
daggi che la implementano costan- 
temnte a tempo reale con l'evolu- 
zione degli avvenimenti. Sondaggi 
d'opinione che, è bene ricordare, la 
stessa industria pubblicitaria Usa 


ha abbandonato alla fine degli anni 
'50 perchè inattendibili. 

Al posto della guerra l'esempio 
poteva essere il rapporto Nord-Sud 
o l’ecocidio perpetrato ai danni 
della biosfera, nel mentre crescono 
le trasmissioni dedicate all'am- 
biente ed alla crescita di una cos- 
cienza ambientale,.. Riteniamo che 
la questione centrale non sia più 
l'opera di manipolazione delle no- 
tizie, le tecniche di persuasione più 
o meno occulte. Oggi i Media 
manipolano la realtà per intero, 
niente di meno. Per far questo si 
avvalgono di tutto il Know-how 
ereditato dalla ricerca militar-spa- 
ziale e di un 'industria di alta spe- 
cialità in grado dì trattare qualsiasi 
merce comunicativa, da uno spot, 
un messaggio, un'immagine o 
qualsiasi altra combinazione per 
farla consumare e metabolizzare 
nel modo più proficuo. Sono ormai 
numerosi gli studi che analizzano e 
mettono a nudo queste tecniche e 
non possiamo che fare esplicito 
riferimento ad essi, limitandoci a 
sottolineare l’irreversibilità del lin- 
guaggio di guerra assunto dall'In- 
dustria della comunicazione e che 
sgombra il campo da passate let- 
ture ideologiche che vedevano nei 
Media il solo elemento della mistifi- 
cazione ed affidavano ai compagni 
il ruolo di controinformare, o di de- 
codificare, agendo sempre di ri- 
messa ed in maniera sistemati- 
camente subalterna. 


2. COMUNICAZIONE PER IL 
CAMBIAMENTO 

Nella Comunicazione per il dominio 
il primo termine diventa parte del 
secondo, non può vivere altrimenti. 
Non c'è comunicazione senza alta 
tecnologia scandita dal tempo im- 
percettibile aN’uomo del miliardesi- 
mo di secondo(nanosecondo), con 
il distacco che questa comporta ris- 
petto ai tempi ed alle categorie co- 
municative controllabili dagli esseri 
umani. Spariscono tutte le tecniche 


più elementari di comunicazione ed 
il senso è preciso : non c'è niente 
da scambiare, non è questo il tema 
della comunicazione. Comunicare 
per il dominio significa far as- 
sumere comportamenti, indurre bi- 
sogni, legittimare norme, quotare 
valori. Eppure tutti ricordano, si po- 
trebbe dire parafrasando Orwell, 
che per comunicare con gli altri bi- 
sogna solamente avere la voglia di 
farlo. Si comunica con segni e 
gesti, si comunica parlando, can- 
tando, scrivendo... Gli strumenti 
possono essere i più diversi da una 
manciata di sassolini ad una coper- 
ta per alzare segnali di fumo all'alta 
tecnologia. Questo non significa 
che gli strumenti siano indifferenti, 
che conta solo chi gli usa. Significa 
che innanzitutto occorre riappro- 
priarsi de! senso del comunicare : 
inchiesta, analisi, comprensione, 
conoscenza per trasformare. Per 
noi comunicazione significa far 
sapere ed agire la critica radicale e 
sistematica allo stato di cose 
presente. Comunicazione è partire 
dalla cruda realtà per provare a 
modificarla ; comunicazione è con- 
tropotere, contrapposizione per- 
manente al linguaggio di guerra 
del dominio, non con la costruzione 
di modelli speculari ad esse, ma di 
segno opposto, ma come capacità 
di restituire al soggetto la forza e la 
natura del comunicare aH’interno di 
un sistema comunicativo -concepi- 
to come reticolo di relazioni, costi- 
tuite attorno ai valori di fondo della 
nostra esperienza, eguaglianza, 
solidarietà, comunanza, autono- 
mia, autogestione, internazionalis- 
mo. 


3. UN SISTEMA COMUNICATIVO 

Dar vita, dentro questi orizzonti, ad 
un sistema comunicativo non signi- 
fica, semplicemente, dotarsi di una 
serie di strumenti più potenti e 
moderni, Non sono gli strumenti a 
costruire un sistema comunicativo 
ma i soggetti. L'utilizzo degli 
strumenti serve a far funzionare il 



sistema comunicativo nei migliore 
dei modi possibile. Questo com- 
porta estrema chiarezza su alcune 
questioni. 

1) Consapevolezza della natura 
degli strumenti che finiremo per uti- 
lizzare. Sappiamo, lo abbiamo 
scritto e spiegato in numerosi do- 
cumenti, che la scienza oltre a non 
essere neutra è direttamente forza 
produttiva del capitale. Nelle sue 
applicazioni tecnologiche non c'è 
solo l'elemento produttivistico della 
velocizzazione; c’è oggettivato, il 
dominio del capitale suH'umanità 
che diventa dominio della macchi- 
na sull'umanità stessa, concepita 
come estensione della tecnologia. 
Pensiamo al computer, ad esem- 
pio, di cui si strombazza da tante 
parti la presupposta natura demo- 
cratica. 

Non ci interessa, in questo contes- 
to, ricordare e ribadire l'aumento 
del tasso di sfruttamento determi- 
nato dall'introduzione dei sistemi 
informatizzati nei posti di lavoro. 

Ci interessa aver chiaro cosa rap- 
pesenta uno degli strumenti che 
più useremo nell'attività di Agenzia. 
Partiamo dall’ovvia e straccata for- 
muletta che non ce niente di più 
Imbecille di circuiti che rispondono 
alla logica binaria, al passaggio o 
non passaggio di elettricità. Formu- 
la che consente un approccio psi- 
cologico di superiorità dell'uomo 
sulla macchina dalla chiara fun- 
zione rassicurativa. 

Ben diversa, poi, la realtà. Il com- 
puter è progettato per essere usato 
da chi non conosce nè la sua strut- 
tura fisica (hardware) nè tantome- 
no i sofisticati programmi applicati- 
vi (software) che servono ad elabo- 
rare i dati che supinamente l'oper- 
atore immette. 

Una espropriazione completa quin- 
di, accompagnata da ulteriori e più 
profonde espropriazioni. Quella del 
percezione del tempo, ad esempio. 
Il computer viagga a nanosecondi, 
unità temporale impercettibile per 
gli esseri umani. Espropriazione 
del linguaggio che avviene a vari 
livelli, a seconda della collocazione 


lavorativa : dal linguaggio-macchi- 
na vero e proprio, ai linguaggi di 
programmazione, ai linguaggi sem- 
pre più vicini al nostro, tutti man- 
tengono caratteristiche di interfac- 
ciamento deH'uomo con la macchi- 
na, snaturando il nostro linguaggio 
con una sostanziale perdita di co- 
strutto e di svolgimento. 
Espropriazione delia memoria, per- 
chè mentre si distrugge la memoria 
storica, mentre si distruggono i ca- 
nali classici della trasmissione di 
memoria a cominciare dalla memo- 
ria orale, la società cibernetica 
prevede la conservazione di 
memoria in appositi supporti mag- 
netici (memorie di massa). 
Espropriazione dalla realtà perchè 
si perde il confine fra il reale ed il 
mondo virtuale della simulazione, 
inducendo molteplici forme di schi- 
zofrenia e di psichiatrizzazione del 
quoditiano. 

Questa premessa serve a porre 
l'accento sulla necessità di una 
piena consapevolezza della natura 
degli strumenti che si adoperano in 
modo da non far insorgere perico- 
losi abbagli sull'onnipotenza dei 
macchinari. 

2) Consapevolezza che si collega 
all’assunzione di un metodo teso a 
dimensionare i problemi tecnico-or- 
ganizzativi dentro il progetto gener- 
ale di comunicazione antagonista 
di cui siamo portatori, Chiamiamo 
Comunicazione la capacità/possi- 
bilità di svelare e rendere percet- 
tibili, usufruibili, comprensibili le 
mille realtà di alienazione e sfrut- 
tamento prodotte dalla cosiddetta 
società complessa -e la cui frantu- 
mazione propria del tessuto metro- 
politano rende possibile al dominio 
governabilità ed estensione dei 
controllo sociale. Comunicazione 
volta a interpretare la realtà non 
per specchiarvisi ma per rivoluzion- 
arla. Comunicazione che diventa 
verifica della critica radicale alla 
presente organizzazione sociale fin 
nei suoi tratti più nascosti, ma che 
si rivelano decisivi nel detrminare il 
quotidiano di milioni di esseri 
umani. 


3) Comunicazione è per noi rottura 
del mondo separato dell'informa- 
zione. Mondo separato che genera 
una vera e propria linea di montag- 
gio che parte dall’espropriazione 
del produttore di azione. Primo pro- 
cesso: un atto, un messaggio viene 
trasformato in notizia. Il soggetto 
produttore compare solo in questa 
fase, quando il suo agire, il suo 
parlare, il suo comportamento 
viene intervistato, indagato, regis- 
trato. 

Finita quest'opera di vivisezione II 
soggetto sparisce. Soggetto di- 
viene la notizia, prodotta da chi è 
preposto, nella divisione sociale 
del lavoro, a raccoglierla. La notizia 
raccolta viene confezionata e ne 
viene deciso l'uso più appropriato e 
consono, a seconda del momento, 
del contesto.... 

Dalla decisione d'uso dipende la 
rilevanza e la forma con cui viene 
divulgata. Siamo all’ultimo stadio di 
produzione : la notizia è pronta ad 
essere consumata, usata politi- 
camente. 

L’unico elemento certo è che ness- 
uno raccoglierà il significato del 
produttore d'azione, tantomeno 
qualcuno risponderà ai problemi 
sollevati da quell'atto iniziale di cui 
la casta dei professionisti dell'infor- 
mazione ha orami fatto perdere le 
tracce. 

Per noi il processo è radicalmente 
diverso. Il criterio è la promozione 
del soggetto comunicante e non 
l'intermediazione fra questo ed il 
mondo dell'Informazione. L’infor- 
mazione antagonista non può 
scimmiottare il comportamento 
delle agenzie di stampa; non filtra 
le notizie, magari colorandole con 
linguaggio e significato eversivo. 
Interagisce con il soggetto comuni- 
cante e ne promuove l’interazione 
sia con il tessuto sociale, sia contro 
le forme del potere. L'interattività 
funziona se riesce a dare diffu- 
sione al messaggio e al tempo 
stesso riesce a sottrarlo alle leggi 
del mercato informativo -che di 
volta in volta decide se spettacola- 
rizzare e trasformare un atto in 
evento o se sommergerlo con il 



silenzio; mercato informativo che 
determina i tempi di decadimento 
dell’attualità di un argomento sulla 
base dei rilevamenti di audience e 
della sottomissione al potere. Il sis- 
tema comunicativo deve avere le 
caratteristiche della circolarità ca- 
pace di restituire al soggetto l’atto 
o azione iniziale diffuso e cortocir- 
cuitato nella metropoli cosicché se 
ne possa awallere al fine di costi- 
tuire la propria autonomia e utiliz- 
zare al massimo il significato e 
l’eventuale dirompenza dell'atto ini- 
ziale. 


4. AGENZIA DI COMUNICA- 
ZIONE PER UN SALTO DI 
QUALITÀ’ 

Troppo spesso vediamo compagni 
valutare il portato di iniziative 
politiche in base all'eco che questa 
assumono nei media. Questo evi- 
denzia, oltre alla giusta volontà di 
non essre trattati da invisibili, la 
necessità di rivolgersi ai sociale, di 
mandare segnali, accettando per 
buona anche la forma totalmente 
travisata che il segnale assume nei 
media. 

Ebbene, pensiamo che sia pos- 
sibile un salto di qualità, che sia 
possibile attrezzarsi per comuni- 
care e far comunicare diret- 
tamente, senza mediazioni. Oggi 
nelle aree metropolitante le pagine 
di cronaca o i notiziari locali di 
radio e Tv sono le uniche voci che 
parlano di quello che ci accade in- 
torno. I Tg della Tv dì Stato sono 
l’unica finestra aperta sull'Italia e 
sul Mondo. 

L’unica eccezione a questo deserti- 
co panorama è rappresentato 
dall'azione dei movimenti. Quando 
ci sono movimenti c’è uno stravol- 
gimento di segno. La comunica- 
zione è assunta in propria è socia- 
lizzata alla città con le lotte, le azio- 
ni dirette, i cortei, gli interventi di 
animazione, l'assedio dei luoghi di 
potere. I luoghi d’azione del mo- 
vimento divengono punto di rife- 
rimento per chiunque voglia sapere 


e capire con la propria testa, sia 
disposto a farsi contaminare, voglia 
dire la sua o soltanto raccontare 
qualcosa. I media non possono 
esorcizzare i movimenti devono 
scegliere: o combatterli o farli 
passare come fatto di costume. In 
ogni caso devono subire il contro- 
potere comunicativo, come ricom- 
posizione sociale in atto. 

E’ un processo che abbiamo visto 
e vissuto anche dopo un decennio 
dominato dalla restaurazione, dal 
cinismo, dall’indiferrenza, dal gri- 
giore della democrazia blindata. Lo 
abbiamo visto in strati sociali e 
situazioni differenti: nella rivolta di 
Novoli contro l'inceneritore come 
nel movimento della Pantera, nei 
punti alti dell'esperienza dei centri 
sociali e delle occupazioni di case. 
Esauritasi l'onda d'urto dei mo- 
vimenti prendeva il sopravvento la 
normalità scandita da infinite e 
diverse sofferenze individuali che 
non fanno notizia e che non ap- 
paiono nemmeno comunicabili. 

E’ la schizofrenia metropolitana 
che scandisce la vita attorno alla 
giornata lavorativa sociale nei suoi 
tempi composti: orario di lavoro 
vero e proprio, tempo gettato nello 
spostarsi, tempo dedicato alla ri- 
produzione psico-fisica... Scom- 
pare qualsiasi senso comune che 
non sia quello del tirare avanti o 
del consumare, diventa sempre più 
difficile vedere unitariamente ia re- 
altà e vederla insieme a molti altri. 
Tutti pare devono seguire i propri 
percorsi d’alienazione. E' il tacito 
assenso alla guerra del tutti contro 
tutti, specie se poveri. 


La costruzione di un’Agenzia di 
Comunicazione è un terreno prati- 
co di opposizione a questa realtà. 
Un'Agenzia militante che nega il 
professionismo giornalismo, accor- 
ciando al massimo la distanza fra 
chi telefona o passa per far sapere 
qualcosa e chi si trova a dover rac- 
cogliere le comunicazioni. 
Un’Agenzia che non è una struttura 
di servizio e tantomeno è neutra, 
ma agisce come parte in causa 


negli avvenimenti che attraversano 
la società. Un'Agenzia che funzio- 
na se attiva una rete antagonista 
capace di appropriarsi della co- 
municazione per fare un salto in 
avanti nelle lotte e nei processi di 
autorganizzazione sociale. 
Un’Agenziache funziona quindi, se 
riesce a collegare, a dare forza e 
promuovere una rete comunicativa, 
concetto con cui sì intende tutto il 
complesso della pratica sociale del 
conflitto. Rete comunicativa costi- 
tuita da singoli e da collettivi, da 
forme organizzate e forme improv- 
visate. 


S. DELLE PRIME IPOTESI DI 
FUNZIONAMENTO 

Il funzionamento di un'Agenzia del 
genere non può che essere quoti- 
diano. Un orario di apertura mattu- 
tino e pomeridiano preciso a cui 
tutti potranno fare riferimento. 
Questo implica la necessità di do- 
tarsi di strumenti (linee telefoniche, 
fax, modem -(-computer, televi- 
deo...) e di rapporti organici sia con 
la rete comunicativa a cui ti riferisci 
(comitati e associazioni che agis- 
cono nel mondo del lavoro, sulla 
solidarietà internazionale, sulle 
lotte ambientali, centri sociali, mo- 
vimenti studenteschi) che con i 
nodi informativi ufficiali (agenzie di 
stampa, singole testate etc.). Rap- 
porti che vanno concretizzati nella 
costruzione di strumenti ad uso 
collettivo che noi, per il momento, 
crediamo di individuare in : 

- Un Notiziario quotidiano tras- 
messo via telefono, tenendo conto 
che ii telefono è tuttora il media più 
diffuso e, relativamente, economi- 
co. Con un gettone è possibile 
sapere e far sapere notizie che 
nessun media diffonde. Uno 
strumento di uso e, al tempo stes- 
so, di sicuro impulso all'attivazione 
di soggetti comunicanti visto che 
basta un gettone per cominciare a 
comunicare... 



- Un foglio murale (dal lunedì al 
venerdì) che raissuma le comuni- 
cazioni e gli avvenimenti più signifi- 
cativi, con un numero limitato di 
copie e da appendere in spazi fissi 
(facoltà, centri sociali, scuoie, altri 
punti di ritrovo...) 

- L'attività ECN (European Counter 
Network) che attualmente avviene 
a cadenza settimanale e che per- 
mette di avere e di diffondere le 
notizie provenienti da! movimento 
antagonista nazionale ed inierna- 
zionaie, Già nei 41 giorni della 
Guerra del golfo si è visto l'import- 
anza di uno strumento simile 
L'ECN viene diffusa settimanal- 
mente. 

Gli ineteressati possono passare 
a prenderla direttamente in Via 
di Mezzo 46 i! Venerdì od abbo-' 
narsi per riceverla via posta, fax, 
o modem. 

- Delle News letters che rap- 
presentino, oltre all’Ecn, la nos- 
tra comunicazione diretta fuori 
dall'Italia. News letters da fare o 
come aggiornamento di situazioni, 
o sulle cose dove esiste lavoro 
in parallelo in diverse situazioni 
(es. ingegneria genetica). 

- Un canale di attenzione interna- 
zionale (in accordo con Ecn e 
newsietters) capace di sviluppare 
contatti e rapporti ed anche di es- 
sere in grado, leggendo materiale 
in lingua, di far capire cosa suc- 
cede altrove. 

- L'apertura di un punto distributivo 
di libri, riviste, gadget, fanzines, 
nastri ed altro materiale proveni- 
ente dai movimenti. 

- La definizione di una VIDEOTE- 
CA, con video prodotti da esperi- 
enze di lotta e films, come sicuro 
punto di riferimento per tutti 
coloro che organizzano serate e 
simili con questi materiali. 

- La messa appunto di una serie 
di basi dati informativi, dal ma- 
teriale di Agenzia a cataloghi dei 


Centri di documentazione agii 
indirizzari di movimento. 

- L'uscita di un bollettino mensile 
"Comunicazione Antagonista* che 
risponda alla necessità di creare 
una 'opinione pubblica' in sin- 
tonia con i comportamenti, le 
campagne, il dibattito del mo- 
vimento antagonista offrendo un 
tramite di collegamento anche indi- 
viduale nella frammentazione 
metropolitana. Accanto a! men- 
sile la produzione di una serie di 
’Dossiers" monografici. 

- una finestra su ciò che accade 
in campo culturale, dalla lettera- 
tura alla musica con l’attenzione 
a far capire dal di dentro fer- 
mentie tendenze di cui i media 
non danno traccia, o, se la 
danno, nella forma dell' accesso 
ai mercato. 

- Un Seminario permanente sulla 
comunicazione antagonista che 
permetta, oltre alla riflessione 
sulla propria pratica ed aiia dis- 
cussione e studio di tecniche ed in- 
terpretazioni, di entrare in contatto 
con i protagonisti delle iniziative in 
atto: dalie radio di movimento 
alle riviste politiche e controcultu- 
rali ai fenomeni di stravol- 
gimento della comunicazione uffi- 
ciale (hackers, cyberpunk...) 


6. STRUMENTI E COSTI: FAR 
PARTIRE UNA CAMPAGNA DI 
SOSTEGNO 

Un progetto del genere presenta 
costi altissimi. Costi di acquisi- 
zione, e di relativa manutenzione, 
degli strumenti. Costi di esercizio 
(bollette, forniture materiale, as- 
sistenza legale). 

Perchè un’esperienza del gen- 
ere possa sopravvivere è 
necessario che coloro che la riten- 
gono utile, assummano in prima 
persona non solo il ruolo di col- 
laboratori, ma anche quello di sos- 
tenitori fin da questo momento - or- 


ganizzando feste, cene, collette, 
sottoscrivendo abbonamenti... 
Occorre altresì che, anche chi si 
trovi una volta sola, occasional- 
mente, ad adoperare uno 
strumento lo faccia con le atten- 
zioni dovute al rispetto di avere 
a che fare con un patrimonio 
collettivo che rende possibile 
l’esistenza di una rete di co- 
municazione antagonista ed al- 
ternativa. 

Non dobbiamo inoltre dimenti- 
care la vicenda del sequestro 
delia posta indirizzata al Centro 
di Comunicazione Antagonista, 
e relativi processi in corso, che 
dimostrano come il potere non 
solo non sia disposto a regalare 
nessuno spazio ma faccia deilo 
strangolamento delle esperi- 
enze non omologabili. 

E' un precedente significativo del 
tentativo di costruire muri davan- 
ti ai compagni, costringendoli a 
continui processi che significa- 
no tempo politico perso e 
spese legali da sostenere. 

Firenze - Via di Mezzo, 46 



2 


Padova 
CYBER . DOC 
Release 2.0 


Il senso di questo nostro contributo 
va colto interamente come esten- 
sione e prosecuzione di un dibattito 
interno al movimento che ha real- 
mente iniziato ad assumere una 
dimensione generalizzata e vasta. 
E’ lo sforzo e la tensione, diversa, 
non omogenea, magari embrion- 
ale, ma presente ovunque, che 
scaturisce da esperienze politi- 
co/organizzative quali i gruppi ECN 
(European Counter Network) che 
pongono la loro centralità di inter- 
essi ed intervento sul piano 
dell'agire comunicativo del/dei mo- 
vimenti per la costituzione di per- 
corsi di sovversione dell'esistente. 
Il dibattito è tutto aperto, l’approc- 
cio a vari segmenti di analisi di ciò 
che ci circonda è il più vario, ma, 
proprio per questo, rivestono per 
noi un'importanza estrema l'inter- 
venire, il proporre, l’avanzare ipote- 
si e concetti che sempre più si in- 
trecciano con la nostra pratica ma- 
teriale di costituzione, gestione, 
uso di strumenti, di 'reti', di percor- 
si. 

Secondo noi nulla può prescindere 
dal conquistare la capacità di misu- 
rarsi con le modificazioni sostan- 
ziali, epocali, a cui abbiamo assisti- 
to in questa fase storico-politica. 


THE SILICON SOCIETY 

Ci interessa nel tracciato di questo 
breve capitoletto ri/affermare l'im- 
portanzadell’acquisizionedel pas 


saggio storico- economico-politico 
alla nuova dimensione produttiva 
del dominio, e quindi ai nuovi assi 
e contorni della brutalità delio sfrut- 
tamento capitalistico e imperialista 
sui soggetti sociali. L’abbiamo vista 
definire in mille maniere e forse ab- 
biamo sceito questo titolo poiché 
più legato alle ‘leggende* propa- 
gandistiche del regime. In tutte le 
analisi e tracciati teorici (che valga 
la pena di osservare) un dato è co- 
mune: la trasformazione, il passag- 
gio, violento e drammatico, a ques- 
to tipo di dimensione sociale che ci 
circonda è stato ed è radicale e di 
'non ritorno", chiamiamola terza 
ondata 1 o "Wired Society" o altro, 
ma omogeneo è questo assunto di 
partenza. Per noi, che esprimiamo 
la nostra identità dentro la continui- 
tà (non continuismo) di alcune ca- 
tegorie e parametri emersi in 
decenni di lotte e affermazione di 
percorsi antagonisti, il concetto da 
cui si parte è la nuova estensione 
ed organizzazione del lavoro pro- 
duttivo sulle intere dinamiche di 
vita dei soggetti sociali produttori, 
un lavoro produttivo che oggi in- 
segue, ricopre, assorbe inter- 
amente tutti gli interstizi della vita 
sociale. Il passaggio dalla città-fab- 
brica alla società della sussunzione 
reale ( in cui il capitale sussume 
entro le sue "maglie" tutte le poten- 
zialità produttive della società ed 
esercita la sua capacità in quanto 
necessità di attualizzare tutto il la- 
voro morto che vi giace) rap- 
presenta il nuovo "terreno fertile" o 


"ambiente" (per dirla appunto con 
l’informatica) in cui il dispotismo 
dell’impero può (e deve) far "girare" 
il software dello sfruttamento, del 
controllo, del comando su soggetti 
sociali, che esprimono caratteris- 
tiche, potenzialità, "codici" differenti 
e mutati da quelli di un tempo. Un 
lavoro sociale produttivo che si 
fonda sulla espropriazione comple- 
ta non più del singolo produttore e 
della sua produzione, bensì sulla 
espropriazione completa della sua 
capacità/potenzialità di essere co- 
operante, di essere comunità, di 
esprimere comunicazione e quindi 
conoscenza. Il compito del capitale 
è inseguire le potenzialità produt- 
tive espresse da questo tipo di 
soggetto sociale, organizzarle tec- 
nologicamente per il dominio e la 
riproduzione di esso, espropriarle 
quindi interamente a mezzo di co- 
mando, funzionalizzarle inter- 
amente per la ri/produzione del co- 
mando stesso. 


COMUNICAZIONE 

Da questo parziale ragionamento 
"precipita" la nostra percezione 
della "comunicazione". Essa è 
un’agire ed è la caratteristica fon- 
damentale delle potenzialità es- 
presse dalla comunità dei nuovi 
soggetti e, ovviamente, è un agire 
anche per il capitale e il dominio in 
quanto esso è costretto, per man- 
tenersi tale, ad appropriarsene, ad 


21 



anticiparla, ad esercitare la propria 
sovrapposizione sulla capacità da 
parte dei soggetti sociali di essere 
comunità e di esprimere autonomia 
e separatezza. 

La comunicazione diventa per la 
dimensione capitalistica organizza- 
zione tecnologica de! lavoro so- 
ciale produttivo, è cioè modo di 
produzione e di ri/produzione del 
comando. Solo negando le capaci- 
tà/potenzialità di autonomia e auto- 
valorizzazione separata dei sog- 
getti, mistificando la loro caratteris- 
tica collettiva di produttori, espro- 
priando la spontaneità proletaria 
dell'agire comunicativo e riconseg- 
nando in feed-back soggettività 
create ad arte per gestire diret- 
tamente i codici inerti della produ- 
zione immateriale e informatica, 
l’impero può alienare la spinta 
verso la liberazione. 


INFORMAZIONE: 

con questi presupposti proviamo a 
misurarci anche con la necessità di 
comprendere che cosa si annida 
dentro a questo termine. Se la co- 
municazione si costituisce come 
modo di produzione, osserviamo la 
materializzazione deH'informazione 
come merce in quanto prodotto 
della compressione forzata e vi- 
olenta, dittatoriale, della comunica- 
zione entro meccanismi 'inerziali* 
di riproduzione e affermazione del 
reale. Ma è proprio su quel!"inerte 
o inerziale' che si possono aprire 
vari filoni di riflessione, in quanto, a 
nostro avviso, è lì che si gioca 
anche la maggior percezione 
dell’alterità del rifiuto proletario 
delia dimensione del capitalismo 
maturo. 

Essa (l'informazione) è una merce 
che trasuda della essenza stessa 
della necessità/capacità da parte 
del capitale di dominare l’agire co- 
municativo e lo scambio di conos- 
cenza di parte proletaria 
Essa ha la forma' dell’espropria- 
zione e deve essere percepita e 
assunta come negazione e mistifi- 


cazione, poiché in essa albergano 
le caratteristiche 'genetiche* del 
dominio. La sua capacità di di- 
venire veicolo della riproduzione 
del comando e aggàncio diretto per 
la creazione delle 'soggettività 
vuote', che assicurano al capitalis- 
mo maturo l’ubiquità del controllo, 
la rendono un oggetto ambiguo, 
inerte e attivo allo stesso tempo, 
prodotto freddo ma anche vivo allo 
stesso momento, proprio perchè 
capace di garantire una media- 
zione tra l'estrema durezza in ter- 
mini dittatoriali e dispotici del 
dominio e le proprietà intrinseche 
dell’agire comunicativo sociale. In- 
somma non ci sembra per nulla 
'utopica* questa dimensione 
dell'informazione; anzi ci sembra 
segregato in essa 'l’affanno 
dell’anticipo' del capitale maturo 
sulla comunità proletaria. Pensia- 
mo solo alla dimensione della 
guerra imperialista e del ruolo 
dell'informazione: viene immediata 
la comprensione di come essa 
eserciti un ruolo fondamentale 
nell’estensione e rafforzamento 
dello stato del terrore. 


BLADE RUNNER 

In questa apocalittica scena -da 
BLADE RUNNER appunto- si 
gioca io scontro dell'oggi, con per- 
corsi da parte nostra tutti da sco- 
prire, verificare, con certezze che 
non possediamo. Ma dopo questi 
parziali spunti d'analisi qualche 
cosa ci appare, in tante offuscate 
immagini, più chiaro e concreto. 
Noi puntiamo alla riappropriazione 
innanzitutto dell’agire comunicativo 
percorrendo, in termini di costitu- 
zione politica, in termini di contro- 
potere reale, la strada della tend- 
enziale separatezza. 

Per questo non ci interessa 
'scimmiottare' l’attualità quando 
parliamo di 'rete telematica" ma 
decostruire la. realtà, ovvero dis- 
truggere ciò che costituisce l’espro- 
priazione diretta della comunica- 
zione e costruire allo stesso tempo 


i presupposti materiali per io svilup- 
po del contropotere. Come sempre 
poniamo al centro lo sviluppo e 
l’autonomia di questo ‘soggetto in 
processo’, contro la sua dipenden- 
za, il suo asservimento, il suo 
'sequestro' operato dalle forze 
capitalistiche. Riappropriazione 
proletaria in termini di sovversione 
sociale quindi, per l'affermazione, 
la demistificazione, il sabotaggio. 

AFFERMAZIONE, del nostro diritto 
di esistere in quanto comunità, in 
quanto comunicazione e trasmis- 
sione di conoscenza altra, di co- 
noscenza contro. 

DEMISTIFICAZIONE, come attac- 
co al progetto alienante e atomiz- 
zante del dominio ne! renderci in- 
capaci di intessere relazioni auton- 
ome e nostre, ribadendo la nostra 
caratteristica di collettivo e non di 
'moltitudine di esseri isolati tra 
loro'. 

SABOTAGGIO, come rottura della 
mediazione operata dall'informa- 
zione di regime, come capacità di 
tramutare in incomprimibile la 
potenzialità della cooperazione so- 
ciale, oggi ostaggio dello sfrut- 
tamento, affermando percorsi altri 
e rivoluzionari, di liberazione, in 
ompatibili con questa organizza- 
zione sociale. 

Non vogliamo con questo 
'chiudere' un dibattito e un terreno 
di inchiesta che è tutto da svilup- 
pare, ma è su questi presupposti 
che noi intrawediamo la necessità 
della 'rete* (telematica o altro che 
sia) del/del movimenti. Intrawedia- 
mo nella costruzione materiale di 
questa possibilità tutta la carica del 
pensare e volere autodeterminata 
la nostra vita. Per lo sviluppo di 
una 'rete' di contropoteri, ’l SABO- 
TATORI SONO IN AZIONE, TAMA 
NEW TOWN DEVE TREMARE* 
(cfr. Masuda). 


ECN PADOVA 


2 



3 


Bologna 

IL DISCORSO DELL'ORDINE E L'AUTONOMIA VIRALE 
Note sulla sostanza illusoria della citta’ 
e sul suo immaginario disciplinare 


" E in quel momento Cole av- 
verti’ la presenza della citta', 
meravigliosamente schifosa, 
dolcemente squallida, flessibile 
ma infrangibile. Le cianografie 
dietro le palpebre, i grovigli di 
energia e i punti di riunione 
della gente: tutto ardeva nel 
buio mentale. E, travolto da 
un senso profondo, di indiscu- 
tibile identità', Cole disse: 
daremo battaglia." 

John Shirley, "City come awalkin" 


SINTAGMI MORTI E VA- 
LORE D’USO 

I. Riprendersi la citta'? E per farne 
che? Piuttosto, trapiantare con vi- 
olenza sul corpo sfatto dei nostri 
centri urbani un inaspettato retico- 
lo di percorsi-umori, nuovi criteri 
esplorativi dello spazio-tempo alie- 
nato dal capitale. Piuttosto, dis- 
truggere l’eccentrismo obbligato 
per costruire, tra le vie brulicanti, 
un’anticitta' senza visibili confini, in 
cui un viandante non riesca a 
cogliere il preciso istante 
dell’ingresso o deH'uscita. Ne' 
un’immacolata e dolciastra utopia 
(1), perche' le passate esperienze 
di organizzazione del contro- 
potere ci hanno sufficientemente 


edotti sulla durezza delio scontro, 
ne’ la mai troppo deplorata guer- 
ra di trincea, il ’frontkampfer 
geist* spettacolare che inficia la 
riconquista ludica del quotidiano. 


il. La scomparsa del concetto 
tradizionale di 'territorio* come 
spazio recipiente dei legami so- 
ciali e degli ambiti di aggrega- 
zione obbligata (luoghi di lavoro, 
scuole, chiese, case del popolo) 
e' dovuta allo sviluppo delle tec- 
nologie di comunicazione e 
controllo a distanza: in un 

ambiente telematizzato e iperco- 
municante - dove i soldi si preleva- 
no col bancomat i rapporti com- 
merciali s'intrattengono col fax o 
col minitei, gli spostamenti vengo- 
no seguiti con telecamere e tes- 
sere magnetiche (2), gli obiettivi 
di guerra vengono disintegrati da 
lontano e con precisione senza 
neppure un fugace faccia-a-faccia 
col nemico - la quota di immagi- 
nario prodotta da rapporti 'diret- 
ti* e amicali viene drasticamente 
ridotta Nei paesi capitalisti avan- 
zati, i media sono i veri agenti di 
riproduzione della forza-lavoro: 
invadendo l'immaginario colletti- 
vo, In- formano la società' e SI 
FANNO TERRITORIO. Per cui, 
esiste ed e’ operante una ten 


sione de! comando capitalistico 
al superamento della nozione 
classica di citta 1 , verso non si 
sa bene cosa ma si sa bene CON- 
TRO CHI; noi non possiamo op- 
porre a questo processo un as- 
surdo tentativo di ristabilire i rap- 
porti che informavano la vecchia 
citta' moderna, arroccandoci nelle 
consolanti reminiscenze del vec- 
chio territorio e del suo valore 
d’uso. [ Jean-Luc Nancy ci esorta 
a 'sgombrare l’orizzonte 
dietro di noi" (3): il rimpianto di 
una comunità’ infranta dall'irrom- 
pere della società' e delle mod- 
erne condizioni di ripartizione dei 
bisogni e dei segni, non e' stato 
che 'una costruzione tardiva, con 
la quale si tento’ di rispondere 
alla dura lezione dell'esperienza 
moderna (...) la Gesellschaft non 
ha dissolto, insieme allo Stato, 
all’industria e al capitale, una Ge- 
meinschaft precedente’. In real- 
ta' '[...la società'...] e' sorta dalia 
sparizione, e talvolta dalla conser- 
vazione, di quanto - tribù' o imperi 
- aveva ben pochi rapporti sia 
con ciò’ che chiamiamo 'comuni- 
tà", sia con ciò’ che chiamiamo 
■società". Pertanto la comunità', 
lungi dall'essere ciò' che la so- 
cietà' avrebbe infranto o smarri- 
to, e' ciò' che ci aspetta - proble- 
ma, attesa, evento, imperativo - a 


3 



partire dalla società', Oggi l'av- 
vento di un nuovo totalitarismo 
transpolitico ci presenta le con- 
dizioni per un 'avanzare nella re- 
gressione', offre le agevolazioni 
per un nuovo viaggio organizza- 
to nelle mitologie della 'perdita': 
il rischio e' rimpiangere la vec- 
chia società', i suoi valori d'uso, la 
sua dimensione della legalità', la 
sua lotta di classe molare. Noi 
dobbiamo andare avanti, super- 
are la citta' ma in un’altra dire- 
zione, perche’ il nostro "avanti* 
si e' da tempo configurato come un 
■altrove" rispetto alPavanti' nel 
tempo del capitale,] 

Ili. La ricerca del ripristino del 
vecchio valore d'uso si e' quasi 
sempre rovesciata nell'illusione di 
un uso 'altro' del valore: 'Sono 
dure a morire le ultime illusioni 
circa il valore d'uso. Se ancora 
pochi anni fa, fino e non oltre le 
insurrezioni del '68 e '69, poteva 
avere senso praticare l'espropria- 
zione come una festa e l'uso 
stradante dei 'beni' disponibili 
come un gioco, e' passato da al- 
lora tutto il tempo necessario per- 
che' il capitale, avvicinandosi la 
crisi energetica, finisse di consu- 
mare i limiti d’uso reale nell’ambi- 
to del suo sistema d'irrealta’. Sta a 
noi consumare i nostri limiti 
di consumatori. Nulla dell’og- 
gettualita' allestita, e’ praticabile 
senza finirne inglobati. Il 'proble- 
ma' non si pone intorno a una 
metodologia della riappropriazione 
che eluda semplicemente la me- 
diazione del prezzo, e aggiunga 
cosi' al valore il brivido suppletivo 
del rischio. La critica dell'esist- 
ente investe innanzitutto la sos- 
tanza illusoria dell’oggetto, denu- 
da la mortificazione del desiderio, 
e ritorna armata sul 'soggetto': a 
chiedergli cfi meglio e di piu’ . (...) 
'Prendiamoci la citta" e 'espropria- 
mo i proprietari’ furono slogan che 
affermarono innanzitutto il valore 
d’uso della citta'-capitale e l'esist- 
enza di una reale ricchezza 'pro- 
pria' (...) Vera guerra e vera gnosi 
iniziano dove finiscono le ultime 


illusioni sul 'mondo' del fittizio.' (4) 
Poche cose paiono essere piu’ 
vincolanti all’esistente dei rapporti 
borghesi di quella che potremmo 
chiamare IDEOLOGIA 
DELL'EQUA DISTRIBUZIONE (il 
salto logico all’indietro verso il va- 
lore d’uso), ideologia che, ri- 
salendo il filo rosso della critica 
radicale, troviamo già' contest- 
ata nella 'Critica al programma di 
Gotha' Cll socialismo volgare ha 
preso dagli economisti borghesi 
[...] l'abitudine di considerare e 
trattare ia distribuzione come in- 
dipendente dal modo di produ- 
zione, e perciò’ di rappresentare il 
socialismo come qualcosa che si 
aggiri principalmente attorno alla 
distribuzione. Dopo che il rapporto 
reale e’ stato da molto tempo 
messo in chiaro, perche’ tornare 
nuovamente indietro?'), e ne 'Il 
capitale' (' Una produzione deter- 
mina quindi un consumo, una 
distribuzione, uno scambio deter- 
minati, nonché’ i determinati rap- 
porti tra questi diversi momenti' ). 


IV. Qual e' il vaiore d'uso ripristi- 
nabile della miseria, della nausea, 
deH'awelenamento? Ben poco di 
ciò' che ci circonda e’ utilmente 
ridistribuibile. 'Non c’e’ piu’ nulla da 
espropriare, la produzione si 
basa tutta su progetti di morte. 
Non c’e’ società' da autogestire, 
ci sono individui isolati ma massifi- 
cati e strutture statali di control- 
lo' (5). Occorre SALTARE IN 
AVANTI, mantenendo aperta la 
ricerca. Cosi, l’occupazione-auto- 
gestione di un edificio non pro- 
cederà' al fine di ristabilire la su- 
premazia del valore d’uso della 
merce-spazio sul suo valore di 
scambio, ma per bruciare capi- 
tale-territorio, per aprire squarci 
nella citta', vie d’uscita verso la lib- 
erazione de! quotidiano; quindi, 
non una ‘ rivalorizzazione' dello 
spazio contrapposta alla valoriz- 
zazione mercantile: io spazio 

cosi utilizzato sarebbe sempre 
ricollocabile nel contesto della 
citta'-capitale, mantenuto come 
diversivo, come realta' in cui la 



3 



merce, non mostrandosi coi suo 
vero aspetto, stabilisca una tirannia 
ancor piu' devastante (6) ; 

occorre invece cercare la 
□Evalorizzazione, il d tourne- 
ment: la perdita del senso 

originario di ogni singolo am- 
biente e, ad un tempo, la sua 
organizzazione in un nuovo spazio 
globale significante, che dia a 
ciascun ambiente un valore altro, 
non commensurabile alla citta'- 
merce. Lo spazio occupato dev'es- 
sere una presenza incompatibile, 
dev'essere reso inutilizzabile a fini 
capitalistici. 


PARENTESI: CHI OCCUPA 

COSA? Attualmente, la scena dei 
centri sociali autogestiti (si) dibatte 
e si interroga sull'Identità' dei sog- 
getti sociali che occupano, vivo- 
no, difendono o semplicemente 
frequentano gli spazi 'liberati'. 
Dopo la durissima repressione del 
'90- '91 (sgomberi manu militari in 
ogni citta'; aggressioni fasciste e/o 


incendi dolosi a Milano, Modena, 
Cattolica, La Spezia, Battaglia 
Terme, Milano, Roma; assassi- 
nio del compagno Auro Bruni 
durante l’incendio doloso nel cen- 
tro sociale ‘Corto Circuito' di 
Roma), il movimento ha bisogno 
di puntellare le proprie costruzio- 
ni strategotattiche con la piena 
coscienza del proprio essere , 
dei bisogni in esso incarnati, delle 
trasformazioni di cui e’ l'espress- 
ione desiderante. Leggo ne "Il 
ghiaccio sottile del deserto', editor- 
iale del n.2 di 'Notebook- quader- 
ni di Autonomia' (novembre 1988): 
' [i centri] rappresentano la ma- 
terializzazione ultima di una 
tendenza costantemente presente 
nelle fasce giovanili emarginate 
delle grandi aree metropolitane, 
quella cioè' di RIPRENDERSI LA 
VITA". L’originaria spontaneità' 
della nascita dei centri, luoghi 
deH’autonomia sociale, spieghe- 
rebbe i loro limiti (supremazia 
della dimensione 'culturale' su 
quella piu’ strettamente 'politi- 



ca'; 'eccessiva valorizzazione 
della sfera comunicativa ' [sic!] a 
scapito del dato mobìlitativo di 
massa), fino a farceli vedere 
come elementi costitutivi dell’es- 
perienza di occupazione. Un 
nuovo soggetto collettivo, forma- 
to da 'segmenti di proletariato 
giovanile', ha posto il problema 
della liberazione nella sua to- 
talità' : riprendersi la vita signi- 
fica riappropriarsi del proprio 
tempo, uscire dalla marginalità' 
per destrutturare il comando 
capitalistico sulla citta'. 

I centri dunque sarebbero una 
■risposta geometrica' alle tend- 
enze disgreganti il proletariato 
giovanile, organismi capaci di 
arricchire e rendere piu' incisivi i 
percorsi dell'antagonismo sociale, 
ma incapaci di inglobarli o 'pres- 
upporli*, perche' l'orizzonte della 
liberazione e' ben oltre la rivendi- 
cazione di una socialità' altra e 
non mercificata. 

'Per cui, i centri sociali non 
possono 'riassumere', e 'aggior- 
nare', funzioni politiche ed orga- 
nizzative diverse, non possono, 
in altri termini, essere ORGANIS- 
MI DI MASSA, strutture della sog- 
gettività' comunista , ambiti sociali 
alternativi; e non perche' lo impon- 
ga una concezione antiquata della 
politica, [...] ma per il motivo 
diametralmente opposto: per 

l’essere la prassi comunista 
dell'autonomia operaia la ricompo- 
sizione di politico, economico, so- 
ciale all’interno di una dinamica di 
autorganizzazione , che negando 
la specificità' come criterio organiz- 
zativo la realizza, viceversa, come 
articolazione materiale di un 
percorso di liberazione com- 
plessivo'. 

E' proprio dove sì afferma che 
l'autonomia sociale (insieme di 
comportamenti con cui i soggetti 
manifestano la spontanea volon- 
tà' di muoversi contro la propria 
condizione subalterna) non può’ 
essere contrapposta all'autono- 
mia operaia (molto sempli- 
cemente, la forma in cui la prima 


3 



sono soprattutto studenti- lavora- 
tori, 'soci/dipendenti' di coopera- 
tive, molti precari di ogni settore, 
alcuni dipendenti statali e parasta- 
tali. Può’ darsi che gli spazi occu- 
pati e autogestiti costituiscano, an- 
cora molto in potenza e certo 
non nella forma attuale, il luogo 
piu' visibile di organizzazione della 
forza-lavoro conflittuale e non- ga- 
rantita nella citta’ postfordista. Ma 

- a parte le fregnacce sulla fine 
del lavoro subordinato o sulla 
completa 'autoproduzlone della 
produzione' che, uscite dalie boc- 
che degli apologeti piu' rozzi e 
squalificati, hanno trasformato 
l'immaginario teorico degli anni 
'80 in un voracissimo tritarifiuti 

- manca una volont generale dì 
inchiesta sulle trasformazioni del 
lavoro operaio e intellettuale in 
quella che anni fa veniva chiama- 
ta la fabbrica diffusa*; sulla ripro- 
duzione multimediale della forza- 
lavoro; sul ruolo dei movimenti in 
un kalahari dove il sociale e' stato 
sostituito dai media e dalle tecno- 
logie di controllo. Senza una rif- 
lessione su tutto questo, la nos- 
tra violenza teorica rimarrà' 
spuntata, incapace di piantarsi 
come vorremmo nelle carni degli 
avversari, (chiusa parentesi) 


"I AM THE LAW..." 

I. Nella citta'-spettacoio, il co- 
mando si regge su periodiche ri- 
strutturazioni deH’immaginario 
multimediale, il cui fine e’ la PRO- 
DUZIONE DEL BISOGNO DI 
CONTROLLO e, quindi, la ripro- 
duzione dei comportamenti della 
forza-lavoro/consumo. Esistono 
zone d’ombra ai margini di queste 
ristrutturazioni, zone ai confini 
deH'iperrealta' dove fiction, subcul- 
ture e autonomia sociale, scon- 
trandosi, danno luogo a tempo- 
ranee anomalie che il capitale re- 
cupera non senza interessanti 
'sfasature'. Si tratta di esplorare 
queste insenature di spazio-tempo, 
attraversarle per individuarne le 
correnti ( come l’evadendo Papil- 
lon quando , dall'alto della sco- 
gliera, conta le onde per capire 
quale di esse potrà' portarlo al 
largo anziché' sbatterlo sulle 
rocce). [ 'Una tecnologia sociale 
non può' che avere la società' 
per gabinetto scientifico. Un’at- 
tenzione talvolta parossistica, 
quest'uftima, che dissimula una 
selvaggia battuta di caccia 
scatenata nelle metropoli contro le 
anomalie, contro, cioè’, quei se- 
dimenti libertari, sovversivi, ap- 


parentemente immuni alle 
strategie coercitive e ancora in 
grado, pertanto, di autoriprodur- 
si, moltiplicarsi. Ciò' del resto non 
stupisce, se e’ vero che il capi- 
tale per potersi esprimere, nella 
cosiddetta società' postindustriale, 
come produzione di differenze , 
non può' permettere, d'altro 
canto, che esse si rivelino fat- 
tori disfunzionali, manifestino ne- 
micita', si tramutino, appunto, in 
anomalie . Cosi' ogni cittadino 
di Annexia era tenuto a ri- 
chiedere una cartella compieta 
di documenti e a portarla sempre 
con se’. I cittadini potevano esser 
fermati per le strade in qualsiasi 
momento, e l’Ispettore, che poteva 
indossare abiti borghesi, uniformi 
di vario genere, o essere sempre in 
costume da bagno o in pigiama, 
talvolta addirittura nudo salvo che 
per una piastrina appuntata al ca- 
pezzolo sinistro, dopo aver verifi- 
cato ogni documento lo bollava. 
Nell’ispezione successiva il cittadi- 
no era tenuto a mostrare i bolli 
opportunamente applicati nell’ul- 
tima ispezione. L’ispettore, quan- 
do fermava un grosso gruppo, si 
limitava a esaminare e bollare le 
tessere di alcuni. Gii altri erano 
allora soggetti ad arresto perche’ 
le loro tessere non risultavano 
apropriatamente bollate. L'arresto 
voleva dire 'detenzione provviso- 
ria’; cioè’, il prigioniero veniva ri- 
lasciato se e quando il suo 'affi- 
davit' , opportunamente timbrato 
e bollato, veniva approvato dal 
Vice Arbitro delle Spiegazioni. 
Dal momento che questo funziona- 
rio conosceva si' e no il suo uffi- 
cio, e l”affidavit' doveva essere 
presentato personalmente, i pos- 
tulanti trascorrevano settimane e 
mesi di attesa in uffici senza ris- 
caldamento, senza sedie e senza 
servizi igienici (8)'.] 

II. Sgombriamo il campo da un 
equivoco: non c’e' assolutamente 
nulla di orwelliano nei nostri siste- 
mi high-tech democratico- spetta- 
colari. La prefigurazione di tali sis- 
temi non si trova in quel tipo di 



3 




si presenta una volta compiuto il 
salto verso l’autorganìzzazione 
in senso anticapitalistico) che 
questo intervento critico contiene 
il parziale superamento delle im- 
precisioni in esso contenute, im- 
precisioni dovute probabilmente al 
trattarsi di un editoriale cronologi- 
camente anteriore alla definitiva 
irruzione della pratica-occupa- 
zione nell'Immaginario collettivo 
giovanile urbano: esso risente 

cioè' della realta 1 in apparenza 
stagnante e desertificata degli 
anni '80. 

Nove mesi dopo queste frasi, la 
resistenza degli occupanti del 
Leoncavallo tagliava simboli- 
camente la nebbia, e tutto un 
paesaggio si faceva visibile: 
importanti esperienze di lotta di- 
mostravano la capacita' dei 
centri di superare in avanti le di- 
visioni tra dimensione 'politica 1 e 
'culturale' (alla Fabbrika di Bolog- 
na. le jam sessions euro-arabe 
del giovedì ' sera erano uno dei 
momenti piu’ importanti della lotta 
a fianco degli immigrati per la 
casa e contro il razzismo) e l'im- 
possibilita' di considerare la 
'sfera comunicativa' come uno dei 
tanti settori parziali di intervento, 
disgiungendola per di piu’ dal 'dato 
mobilrtativo di massa' (ci sa- 
rebbe stata una mobilitazione na- 
zionale cosi' pronta ed estesa 
dopo l’assassinio di Auro senza 
le reti telematiche di movimento 
’Cyberpunk* e *ECN'? La mani- 
festazione nazionale a Bologna 
del 19 gennaio '91 sarebbe stata 
la stessa senza l’intervento deto- 
nante dell’Isola nel Kantiere a 
meta' percorso?). 

Le lotte per la casa, il lavoro sulla 
comunicazione, i momenti di soli- 
darietà' internazionalista, il rifiuto 
delle 'politiche giovanili* istitu- 
zionali, tutte queste realta' hanno 
spesso trovato nel centro sociale 
un nodo di RICONDUZIONE 
ALLA TOTALITÀ' e quindi, di 
sintesi tra funzioni politiche e 
organizzative diverse, aventi 
come denominatore l'autorganiz- 
zazione. 


Certo l’orizzonte della liberazione 
e' ben oltre, ma non e’ caratter- 
stica di ogni orizzonte quella di 
"essere oltre* ? 

Dopo la detonazione-Leoncavallo 
e lo spuntare (rapidi come i 
classici funghi) dei centri occupati 
in tutta Italia, media ed organi di 
polizia si accorsero di non essere 
di fronte a semplici fenomeni di 
folklore urbano, antiestetici ma in- 
nocui: con tutti i limiti, i centri 
vennero riconosciuti come voci 
politiche antagoniste, elementi di 
ostacolo alla speculazione delle 
immobiliari e ai progetti di ristruttu- 
razione urbana Le risposte furono 
quelle note: gli sgomberi polizie- 
schi , il 'panico morale' veicolato 
multimedialmente o, in alternativa 
a quest'ultimo, la caricaturizza- 
zione. 

Senza la presenza di un movimen- 
to 'di massa’ nei termini classici 
e con l’unico supporto di qualche 
alleato occasionale ( la solidarietà' 
di DP e altri 'democratici* quando 
gli sbirri la facevano veramente 
troppo grossa; le dichiarazioni di 
qualche anima bella del riformismo 
sul valore * 'culturale" di iniziative 
specifiche), il movimento dovette 


imparare a fare da se'. Le realta' 
locali piu' avanzate tracciarono 
subito le doverose linee di de- 
marcazione: 'Noi stiamo qui. As- 
sessorati, mafie pseudoculturaii 
e politicume vario stanno 
inequivocabilmente dall’altra 

parte'. Settari? Necessariamente. 
Autonomi? Senz'altro. Isolati? Non 
e’ detto. 

In seguito, la repressione ha forse 
accelerato l'entrata in una fase 
collettiva di dibattito sulla nuova 
composizione di classe e sulle 
trasformazioni del lavoro, trasfor- 
mazioni con cui il fenomeno dei 
centri va necessariamente messo 
in relazione.. .Ciò’ che manca, e 
ciò’ di cui piu’ si inizia a sentire 
l’esigenza, e’ un lavoro di in- 
chiesta su quali siano i soggetti - 
dispersi nel reticolo produttivo 
territoriale - di cui i centri sociali 
sono qualificazione politica - o 
.forse meglio, METAPOLITICA - 
VISIBILE. Se facciamo mente lo- 
cale sui giorni e le notti passate nei 
centri autogestiti, scopriamo che 
la maggior parte dei loro occupanti 
e frequentatori non appartengo- 
no affatto, come vorrebbe la 
mitologia, all’area del non-lavoro: 




utopie totalitarie o nelle futurologie 
pessimiste del moderno avanza- 
to. Queste immaginavano un 
proseguimento lineare e inarrest- 
abile della modernità', preconiz- 
zavano un futuro di architetture 
seriali e colossali, citta'-alvearì 
grigie e metalliche, calcolatori 
grandi come intere stanze (forse 
era stata ' Metropoli' di Fritz 
Lang a fornire il modello di una 
citta' supertaylorista, fatta di com- 
portamenti di massa oltremodo 
sincroni e standardizzati, dominata 
attraverso lo spettacolare con- 
centrato. 

Sta di fatto che mentre negli stessi 
anni Adorno e Horkheimer guar- 
davano già' all'America, allo spet- 
tacolare diffuso come forma di or- 
ganizzazione dell'alienazione, Or- 
well vedeva ancora nei fascismi 
e negli stalinismi di ogni grada- 
zione le forme piu' efficienti di 
esercizio del potere di classe). La 
rivoluzione microelettronica, che ha 
permesso l’entrata del sapere 
nello statuto di forza produttiva 
e la completa assimilazione 
della percezione umana allo 
spettacolo (catapultandoci in 
quella che viene definita "con- 
dizione postmoderna") ha abbon- 
dantemente smentito quei tentati- 
vi di anticipazione: il transistor 
ha fermato le tendenze macrofile 
dell’età' della valvola; l'architet- 
tura postmoderna ed il conge- 
lamento turistico-mercantile dei 
centri storici delle citta' europee 


permettono ii superamento della 
monotonia introdotta in urbanisti- 
ca dal morto e sepolto Movimento 
Moderno, permettendo l'esposi- 
zione concentrata di tutti gli stili di 
tutte le epoche; la ristrutturazione 
industriale, indirizzata alla fine 
del fordismo, ha spezzato le vec- 
chie forme di standardizzazione 
della giornata lavorativa sociale, 
mentre la forza-lavoro diveniva 
sempre piu' flessibile e social- 
mente combinata. 

IV. La prefigurazione del nostro 
presente la possiamo invece tro- 
vare nella "speculative fantasy" 
postmoderna, inaugurata nei '50- 
'60 dalle opere letterarie di William 
Burroughs, di Philip K. Dick, di 
Robert Sheckley, etc. Sembra 
quasi che quella narrativa d'antici- 
pazione sia esplosa per innervarsi 
in tutti gli ambiti di vita, influen- 
zando direttamente l'evolversi dei 
meccanismi performativi delle so- 
cietà' di comunicazione e con- 
trollo [ Addirittura, tali meccanis- 
mi sembrano presentarsi oggi 
come una sintesi ragionata dei 
programmi politici dei 3 princi- 
pali "partiti dell’lnterzona", ( in 
specie dei Trasmettitori , che pro- 
gettano di usare la telepatia in 
modo totalitario e unidirezionale 
per addestrare la forza-lavoro: 
"Un chirurgo potrebbe inserire 
delle connessioni elettriche nei cer- 
vello di un neonato e collegarci poi 
una radio in miniatura che permet- 


terebbe di controllare il paziente 
da trasmittenti controllate dallo 
Stato") in "The Naked Lunch" di 
William Burroughs , opera del 
1959 a cui rimando per una mag- 
giore comprensione (9)], 
Ovviamente non stiamo facendo 
dell’esegesi letteraria d’infimo li- 
vello: ciò’ che ci interessa affer- 
mare e' che, ad esempio, la filmo- 
grafia di David Cronenberg (soprat- 
tutto "Scanners", 1980, e "Video- 
drome", 1982), oppure un film di 
John Carpenter ("Assault on Pre- 
cinct 13", 1976, distribuito in Italia 
in pieni "anni di piombo" e ciò’ 
spiega il cambio del titolo in "Dis- 
tretto 13: le brigate della 

morteci 0)), o ancora un romanzo 
di John Shìrley, possono dirci piu' 
cose sul dominio spettacolare nella 
citta' (e sulle sue periodiche ride- 
finizioni) di quanto riusciremmo 
ad apprendere dalla lettura dei 
vari "Bignami del rivoluzionario* 
che circolano nel movimento e, in 
modo particolarmente ossessivo, 
in ambiente anarchico. Questo 
perche’ l’immaginario discipli- 
nare della citta' postmoderna 
dev’essere alimentato dalla conti- 
nua ricarica dei suoi archetipi, 
periodicamente ridefinito e ristrut- 
turato: i flussi multimediali pilota- 
no la percezione della forza-lavo- 
ro sociale scomponendo e ridis- 
egnando il quadro in cui il capitale 
reinvesta l'intelligenza collettiva 
espropriata. In questo panorama, 
la narrativa mimetica (cioè’ che 



imita e adultera il reaie, vedi le 
soap-operas , i serials televisivi, 
etc.) ha il compito di fornire i 
modelli integrativi e identificativi. 
Diversamente, la narrativa non- 
mimetica, fantastico-speculativa, 
d'anticipazione, sebbene veicola- 
ta dal medesimo complesso 
mediatico, prefigura i contorni del 
conflitto, nutre con le proprie ec- 
cedenze le subculture dell'autono- 
mia sociale (ancora una volta, 
l’abusato esempio del cyberpunk). 
A questo punto la via si biforca: o 
il recupero - la riconduzione a 
quell'industria Culturale da cui la 
fiction e’ scaturita - o la creazione 
di quell’ANOMALIA che il co- 
mando non può' tollerare. All’altez- 
za di questo bivio devono scavar- 
si uno spazio di manovra quei mo- 
vimenti che vogliono estendere , 
su questo nuovo territorio fatto 
principalmente di "passeggeri*, 
pratiche di opposizione al domi- 
nio statale-capitalistico, per lan- 
ciare una strategia di separatez- 
za ed irrecuperabilita’ nel gioco 
dello spettacolo. 

V. Dunque, PRODUZIONE 
MULTIMEDIALE DEL BISOGNO 
DI CONTROLLO, attraverso i 
flussi di informazione che traduco- 
no gli archetipi in stereotipi (Le 
devianze vengono spiegate nel 
quadro dell'ideologia dominante 
col ricorso ad immagini di delin- 
quenza, violenza, criminalità 1 ; le 
subculture di resistenza vengono 


descritte e quindi rivendute me- 
diante le astratte categorie della 
•creatività’ giovanile*, dell’ 'arte', 
della 'stravaganza*, oppure rinvi- 
ate all’incasellamento ideologico di 
cui poco sopra; il conflitto so- 
ciale non deve uscire dai confini 
sempre piu’ stretti della legalità’, 
pena la descrizione di ogni pisci- 
atine come 'una minaccia ai valori 
democratici e del confronto*, una 
■prevaricazione", etc.). 

Come dicevamo nel paragrafo pre- 
cedente, in questo quadro e’ 
determinante l'apporto delia fic- 
tion mimetico-identificativa (seg- 
natamente quella ’d’azione"), che 
presenta come plausibili le p'u’ 
semplicistiche soluzioni agli 
squilibri ed alle entropie metropoli- 
tane, riempiendo le strade di sbirri 
e vigilantes i quali, in omaggio 
all'oscura inquietudine tipica del 
postmoderno, non sono piu' eroi in- 
tegerrimi, obsoleti fascisti tutti 
d’un pezzo - ciarpame tardomod- 
erno, in cui pochi ormai si identifi- 
cherebbero agevolmente - , ma 
antieroi dall’io frammentato, com- 
plessati, frustrati, paranoici, schizo- 
frenici (vedi il ciclo cinematografi- 
co di "Arma Letale" con Mei Gib- 
son ), stressati come ogni abi- 
tante della citta’-spettacolo. In 
questo tipo di fiction la metropoli 
e' un flipper pieno di biglie im- 
pazzite, il poliziotto non e’ mai in 
grado di esercitare disinvol- 
tamente il controllo, drammi privati 
gli si rovesciano addosso, egli 


SUBISCE la citta’ "come chiunque 
altro* , e proprio qui scatta l'identi- 
ficazione dello spettatore nell’antie- 
roe: lo sbirro non e’ piu' il sicario 
del potere, ma un disgraziato 
come te e come me, uno che 
cerca di tappare le falle nell’or- 
dine urbano, spesso maltrattato 
da superiori inetti o corrotti. Una 
sorta di anarchico di destra, che si 
oppone al potere non per via dei 
suoi abusi ma delle sue insuffi- 
cienze. 

VI. Non stiamo parlando solo di 
manipolazione delle coscienze, di 
semplice produzione di ideologia 
dominante, ma di RIDEFINIZIONE 
DELLA PERCEZIONE DEI COM- 
PORTAMENTI propri ed altrui, nei 
verso indicalo dai cambiamenti 
aH'interno dei processi produttivi. 
Per dirla con Andrea Colombo: 
’i media non formano sudditi, 
addestrano lavoratori*. L'intera 
gamma dei modelli verticali di 
comunicazione (il videodrome) e’ 
impiegata al fine di intervenire 
neirimmaginario collettivo delia 
forza-lavoro, addestrandola. Se 
oggi la comunicazione ed il con- 
trollo a distanza sono indispen- 
sabili forze motrici della produ- 
zione postfordista, allora ogni am- 
bito di vita individuale e sociale, 
ogni processo di valorizzazione 
dovrà' fondarsi sul controllo. Ad 
esempio, se tutto l’apparato me- 
diale si muove per trasformare l'ar- 
chetipo dello straniero o dell’alie- 




no nello stereotipo del terrorista 
mediorientale (oppure crea un 
clima da 'stato d’assedio alla 
citta", come a Bologna dopo ogni 
azione della Falange Armata), di- 
viene NORMALE ed ACCET- 
TABILE agli occhi del cittadino- 
spettatore che la zona universita- 
ria di Bologna straripi di polizia e 
carabinieri, o che le strade siano 
piene di cellulari o vi siano video- 
camere ad ogni incrocio, etc... 
Anzi: i caroselli delle autoblindo 
vengono gustati come innocue 
coreografie quotidiane, e ia Closed 
Circuit TV e' considerata una 
specie di Candid Camera, perche’ 
in fin dei conti il controllo e’ una 
merce, e come tutte le merci SE- 
DUCE. 

VII. Poiché' il videodrome dichiara 
a tambur battente che, con il crol- 
lo del “socialismo reale' e 
delle vecchie utopie rivoluzion- 
arie, la lotta di classe e' finita 
("...e avete perso!'), l'emergenza 
su cui fondare il controllo non e' 
piu’ quella delia sovversione so- 
ciale - fatta rozzamente comba- 
ciare col terrorismo politico -, 
bensì' quella della CRIMINALITÀ’ 
ORGANIZZATA, espressione inde- 
finita ed onniawolgente usata dai 5 
poteri per recintare una realta' 
che, dal punto di vista dello spet- 
tacolo, andrebbe dai grandi 
potentati del capitale extra- 
legale (mafia, yakuza, narcoma 


kers sudamericani) allo spaccio 
al minuto di stupefacenti di tutte le 
gamme, fino alla delinquenza di 
quartiere , ai fenomeni di occupa- 
zione da parte di immigrati e 
proletari non-garantiti, e chi piu’ ne 
ha piu’ ne metta. Cosi le viti gira- 
no, i prefetti di ferro hanno uno 
star-system tutto per loro, vengo- 
no costruiti nuovi commissariati 
nelle periferie, viene introdotta in 
Italia l’inedita figura dello sbirro 
di quartiere, e i media convincono 
i passeggeri della citta’ a plaudire 
a questa danza macabra. 

*** 

. Gli spazi occupati sono una 
porzione di interzona; le inter- 
zone sono i luoghi dove fioriscono 
e si scontrano le varie sub/con- 
tro/culture, sono le nicchie di 
tempo scavate dall'incessante 
scambiarsi dei termini del re- 
cupero e dell'anticipazione, dove 
ogni segno e' ambivalente. Oc- 
corre stare neli’interzona, correre 
sul confine tra anticipazione e re- 
cupero, lavorare su come i segna- 
li del comando possano essere 
deviati- ricaricati per creare insub- 
ordinazione e riprodurre per conta- 
gio l'autonomia sociale. 

II. Per essere sempre al di qua 
dello stereotipo, dobbiamo gener- 
are anomalie nell’anomalia che 
e’ il nostro muoverci, esistere, 


respirare, comunicare. La fine 
dell’epoca degli impatti molari 
coincide con l’opportunità’ di co- 
struire l'anticitta’, il confine sul 
vuoto. Se qualcuno ancorasi illude 
nellattuaiita' di un contropotere 
territoriale nei termini in cui e' 
stato concepito e praticato du- 
rante gli scorsi cicli di lotte nella 
citta'-fabbrica taylorista, ciò' signifi- 
ca che i cambiamenti nel modo di 
produzione, la fine del territorio ed 
il conseguente 'utilizzo mediatico 
della citta", l'intasamento del so- 
ciale da parte del lavoro morto, 
tutto ciò' gli e' passato addosso 
come acqua su un telo imper- 
meabile. Òggi dobbiamo assolu- 
tamente evitare di opporre confi- 
ni a confini, adeguare il nostro 
intervento alle derive eccentriche 
di cui la citta 1 e' il contenitore, 
trasformare il nomadismo da 
necessita’ ( l’essere sulla strada 
dopo aver subito uno sgombero, il 
girovagare abulico dei periodi di 
scoramento ) in virtù’ ( non essere 
mai dove ci aspettano, fingere 
di tracciare i confini di . uno 
spazio 'liberato' mentre si pre- 
para una nuova ANABASIS 
dall’uscita posteriore). 

III. Proprio nella fase in cui il pen- 
siero scientifico sembra capito- 
lare di fronte alle beffe che la com- 
plessità' continua a farsi di ogni 
paradigma deterministico ("perche’ 
i comportamenti caotici, e quindi 
non prevedibili, sono la norma, 
piu' che l’eccezione , nel 
mondo reale', cosi' l'astrotisico 
ed epistemologo britannico John 
Barrow), lo spettacolo, 'erede di 
tutta la debolezza del progetto filo- 
sofico occidentale', cerca di allon- 
tanare lo spettro deirirriducibiiita' 
del caos picchettando sempre piu’ 
difficoltosamente un ordine fittizio 
ed improbabile: prova ne sono il 
numero chiuso nei confronti di un 
fenomeno storicamente incontrol- 
labile come i flussi migratori o 
il tentativo da parte del nord del 
pianeta di dominare le endemiche 
entropie dello sviluppo tramite pe- 
riodiche spedizioni punitive con- 



3 



tro il sud che preme sui porto- 
ni delle cittadelle imperialistiche; 
proprio per questo il nostro scopo 
dev'essere ASSECONDARE 
L'ENTROPIA, anticiparne l’avan- 
zare e prepararsi a PROSPER- 
ARE SUL CAOS. Fare irrompere 
l'ambiente nel sistema, per ini- 
ziare a narrare tutta un'altra storia 
[ Essere una presenza de- 
vastante nel grande gioco 
dell'immaginario multimediale, 
creando momenti di interruzione 
del mediascape che preludano al 
rovesciamento dello spettacolo in 
senso, EPATER LES EPATEURS, 
mirare principalmente a stupire se 
stessi, RIUSCIRSI IMPREVEDIBI- 
LI.] 


R.B., Bologna, giugno-settembre 
1991 



NOTE: 


1. Incalcolabili i danni fatti dagli 
architetti ed urbanisti libertari 
ubriachi di socialismo primitivo, 
come Paolo Soleri, la cui tecno- 
utopia , la citta' di Arcosanti, da 
ventanni sopravvive incompiuta 
nel deserto del Nevada, fra la man- 
canza di finanziamenti e l'ostilità' 
della popolazione dei dintorni, coi 
suoi ascensori e tapis roulants 
probabilmente deserti, meta esti- 
va di freaks e studenti ■radicai*. 

2 /a. "Al grande Leviatano va 
sostituendosi un nuovo mostro 
altrettanto potente e temibile, per- 
che' diametralmente opposto, dif- 


fuso e decentrato (...) Al posto di 
un unico sorvegliante (della pri- 
gione, dell'ospedale, del manico- 
mio) in grado, da solo, di esten- 
dere il proprio sguardo su un in- 
sieme di individui estesi in un 
solo corpo, subentrano numerosi 
dispositivi ottici e sensoriali che, 
opportunamente collocati lungo I 
circuiti della comunicazione so- 
ciale, emanano un flusso inin- 
terrotto di informazioni in grado di 
ordinare, selezionare, classificare 
ogni singolo movimento, il piu’ im- 
percettibile', cosi Antonino Mancini 
in 'Modulazioni del controllo so- 
ciale', su 'Invarianti* n,16, pri- 
mavera 1991. In alcuni romanzi 
di Philip K. Dick ha un grosso 
ruolo il cosiddetto 'Effetto Rush- 
more', vale a dire la facolta', da 
parte di elettrodomestici, autovei- 
coli, distributori etc, non solo di 
sostenere educate conversazioni, 
ma anche di registrare ricordi o im- 
pressioni visive. E' quindi possibile, 
interrogando una pentola o un 
ascensore, ricostruire gli spos- 
tamenti di un singolo individuo 
risalendo nel tempo di giorni, setti- 
mane, mesi. Gli attuali dispositivi 
di schedatura magnetica e di vide- 
ocontrollo realizzano l'Effetto 
Rushmore con pari efficacia e 
maggiore freddezza. Cfr. 'The 
Game Players of Titan', 1963 ( 'I 
giocatori di Titano", Ed. Nord, Mi- 
lano 1980). 

2j\>, Il superamento del territorio 
accompagna la morte del so- 
ciale o, forse meglio, il suo trionfo 
in quanto resìduo: nelle società' 
di controllo si realizza 'l’ingombro 
fantastico del lavoro morto, delle 
relazioni morte e istituite nelle bu- 
rocrazie terroristiche, dei linguag- 
gi e dei sintagmi morti' di cui 
scriveva anni fa Baudrillard. ..'Allo- 
ra e' chiaro che non possiamo piu’ 
dire che il sociale muore, 
poiché’ e’ già' da ora l’accumu- 
lazione di ciò' che e' morto .' 

3 . Cito da un estratto de 'La 
communaute' desoeuvrie'" ( 
Christian Bourgois Editeur, 1986) 


pubblicato su 'Luogo Comune* 
n.3, maggio 1991, visto che in Italia 
di Nancy pare non sia stato anco- 
ratradotto niente. 

4 . Giorgio Cesarano, ‘Manuale di 
sopravvivenza', De Donato, Bari, 
1974. 

5 . Laboratorio Anarchico di Co- 
municazione Antagonista, 'Due 
gradini piu' in alto del gradino 
piu’ in basso 1 , opuscolo autopro- 
dotto a Bologna nella primavera 
1991, ripubblicato ( con alcune 
scelte discutibili, come la soppress- 
ione dei titoli dei paragrafi ) sul 
n. 67 di 'Anarchismo', luglio 1991. 

6 . Nel n.27 de 'L'erba voglio', set- 
tembre-ottobre 1976, apparve un 
lungo e impressionante articolo 
di Gianfranco Manfredi intitolato: 
'Miti, riti e detriti di Parco Lambro*. 
A parte le giuste considerazioni 
sul significato dell'espressione 
"proletariato giovanile" e sulla mi- 
tologia del 'nuovo Soggetto' ('il 
Piu’ Oppresso di Tutti, il Cristin- 
croce di turno. Secondo questa 
logica il nuovo Soggetto sarebbe 
probabilmente una vecchia ex- 
operaia negra schizofrenica e omo- 
sessuale’), sono rimarcabili i 
passaggi teorici relativi ai 'riti di 
merce': '...per chi ha presente 
che la merce esiste, non e’ la 
merce a costituire fonte d'irrita- 
zione, e’ casomai il rito che vor- 
rebbe all’apparenza cancellarla 
mentre la consacra. La merce del 
caso non e’ infatti il pacchetto di 
Murarti o la presenza del divo x, o 
il mero 'prezzo’ del panino. La 
merce e' il 'rapporto di merce’: e' 
merce-ideologia ( la politica), e’ 
merce-cultura (la musica), e’ 
merce-soggetto (il palco)'. Cosi' 
l'esproprio generalizzato di Parco 
Lambro 76, oltre le apparenze, 
e’ un rito di merce, in quanto 
‘prescinde dal carattere specifico 
della merce ( questa o quella, 
buona o cattiva ) cioè’ dal suo 
reale godimento [ e ] nega proprio il 
suo lato concreto, d'uso, per affer- 
mare il lato formale, l’astratto va- 


3 



iore [...] Una persona, se un 
panino fa schifo o piy sempli- 
cemente non gli va, non lo tocca 
anche se e’ gratis, mentre il mili- 
tante se ne appropria anche quan- 
do non ha fame perche’ ciò’ di 
cui ha fame non e’ il panino, ma e’ 
il rapporto di merce amato-odiato 
che il panino esprime'; analo- 
gamente, la polemica contro la 
musica commerciale (come se ne 
esistesse una pura, fuori dal rap- 
porto di scambio!) e’ un'altra misti- 
ficazione: il coinvolgimento real- 
izzato dalla 'musica di movimen- 
to' e’ un coinvolgimento 'da la- 
voro , da milizia o da religione- 
ideologia*, la ricerca personale ne 
risulta compressa, e viene preclu- 
sa la possibilità' di creare 'quel- 
la giusta tensione psichica e 
corporale' in cui si realizza una 
comunicazione piena, senza limi- 
ti prefissati; infine, il 'gioco dei 
Soggetto', furiare al microfono 
dal palco durante l'assemblea e’ un 
rapporto di merce: 'A livello di 
espressività" corporale nell’urlo al 
microfono s’esprime l’istinto di 
potenza, il potere sugli altri. 
Allora, avevano preso il palco o 
erano stati presi dal palco?'. Ma 
alcuni al Lambro non urlavano ai 
microfono, lo consideravano nulla 
piu’ che uno strumento, parlavano 
sul palco come avrebbero parlato 
altrove. "Che siano sempre piu' 
soggetti a parlare e sempre 
meno 'soggetti politici’, sempre piy 
'persone' e sempre meno ’com- 
pagni". 

7. Questo e’ un collage tra un 
brano di U. Plinsky, ('Apocalypse 
Motel, Note su comunicazione e 
ideologia postindustriale", su 
•Notebook* n.3/4, Padova, 1990) e 
un brano da W^Burroughs, "Il 
pasto nudo', SugarCo, Milano 
1985. 

8 . W. Burroughs, cit. Mi sembra 
importante aggiungere che anche 
il reticolo punitivo dispiegato nelle 
citta' italiane di questa nostra 


seconda repubblica sembra es- 
sere interpretabile con le frasi 
che Burroughs mette in bocca al 
suo Dottor Benway (Demoraliz- 
zatore Totale in carica presso la 
citta' di Annexia, direttore del 
Centro di Ricondizionamento della 
•Repubblica della Liberta", 
presente col suo nome o sotto 
mentite spoglie in ogni opera 
dell’autore): 'uno stato poliziesco 
efficiente non ha bisogno di 
polizia', il cui intervento diretto e' 
contemplato unicamente laddove 
i raggi dei mediascape giungano 
inclinati o eccessivamente rifratti, 
nelle fessure del corpo sociale 
dove gli ordini comunicati dallo 
spettacolo trovino non acquies- 
cenza ma insubordinazione. 

E ancora: "...la polizia aveva il 
pass per tutte le porte della citta'. 
Accompagnati da un sensitivo i 
poliziotti fanno irruzione nel’appar- 
tamento di qualcuno e danno ini- 
zio alla 'ricerca'. Il sensitivo li 
guida nel trovare tutto ciò' che l’in- 
dividuo intende nascondere (...) 
Oppure si buttano su qualsiasi og- 
getto, Da un nettapenne ad una 
forma di scarpe. - E a che cosa 
dovrebbe servire questo? - E' un 
nettapenne. - Un nettapenne, dice 
lui. - Adesso posso dire di aver 
sentito tutto. - Credo che sia pro- 
prio ciò' che ci interessa. Venite 
con noi. ' 

Vengono alla mente le demenziali 
perquisizioni a domicilio cui ven- 
gono periodicamente sottoposti i 
militanti del movimento antagon- 
ista, con requisizione da parte di 
polizia e carabinieri di qualsiasi 
libro recante sottolineature, di temi 
risalenti alla scuola media infe- 
riore, di disegni e ghirigori tracci- 
ati su blocchetti per gii appun- 
ti, etc... 

9 . Per i pochi che non avessero 
visto il film, la vicenda si svolge 
in un vecchio distretto di polizia alla 
periferia di Los angeles, l’ultimo 
giorno prima del trasferimento delle 
funzioni amministrative in una 


zona del quartiere piu 1 sicura e 
controllabile. Protagonisti sono 
Napoleone Wilson, pluriomicida 
detenuto alla vigilia della sua ese- 
cuzione sulla sedia elettrica, e 
Bishop, poliziotto nero incaricato 
di sorvegliare il posto durante i 
lavori di trasloco. Durante la notte 
l’edificio e’ fatto oggetto di un 
assalto da parte dei voodoo ur- 
bani, ultraviolente squadre di 
fanatici adoratori del sangue, 
silenziosi e armati fino ai denti. 
Bishop resisterà' all'interno del 
distretto fino all'alba, con l’aiuto di 
Wilson , il quale pensa sia 
preferibile finire sulla sedia elettri- 
ca dopo aver combattuto 10 ore 
in piu’, piuttosto che farsi sbudel- 
lare come un maiale da un'orga- 
nizzazione paramilitare di maniaci 
omicidi. 

Si tratta quindi di fiction contorta, 
estremamente polisemica: c'e’ 

chi definisce questo film 'reazion- 
ario', perche’ Wilson preferisce 
farsi uccidere dalla legge, dal 
potere esecutivo, piuttosto che 
soccombere al disordine urbano, lo 
invece penso che in questo film 
Carpenter descriva inconsciamente 
l'avvento di un nuovo dominio 
transpolitico: il distretto di polizia 
e’ un simulacro, una vestigia del 
potere che fu, e neppure Bishop , 
a ben guardare, e' realmente un 
poliziotto. 

I VOODOO SONO LA VERA 
POLIZIA, la nuova polizia manifes- 
tamente occulta e 'rizomatica'; la 
loro e' una violenza metodica, 
solo apparentemente irrazionale, 
che ricorda da molto vicino quella 
della presunta Falange Armata. 
La stupidita' del titolo italiano, che 
insinua un paragone tra i Voodoo 
e le Brigate Rosse, testimonia il 
tentativo di dirottare questa fic- 
tion, investirla nella lotta ingaggia- 
ta dallo stato italiano per inven- 
tarsi un’emergenza su misura che 
coprisse la repressione del mo- 
vimento di massa piu' radicale in 
Europa dopo la spartizione di 
Yalta. 



Q Padova 

LADY 3JANE E LA NUOVA DESTRA 

ovvero ontologia del cyberspazio 


In una mattina dello scorso marzo, 
al punto più alto e conclusivo della 
strage messa in opera dall'opera- 
zione di polizia internazionale nel 
Golfo, uscì dalla Statale una piccola 
e coraggiosa manifestazione sotto 
lo striscione ‘Giù le mani dal popolo 
dell'lrak*. Il casuale osservatore, op- 
portunamente piazzato sul marcia- 
piede buono, era intruppato tra i sig- 
nori e le signore che assistevano 
con evidente astio allo sfilare.. e si 
guardava bene dal dare segnali di 
incompatibilità con la bella compag- 
nia! Il vociare, a parte l’orrenda inim- 
icità, lo colpiva: la gente dimostrava 
notevole conoscenza della situa- 
zione, denotava un senso preciso di 
appartenenza, di soddisfatto, cos- 
ciente schieramento. 'Ancora non 
gli basta, cosa vogliono che gli fac- 
ciamo ancora?' L’introduzione 
aneddotica merita una spiegazione. 
Potremmo fare delle esecitazioni 
letterarie sulla borghesia che voleva 
rimettere a posto le cameriere di 
colore, leggeva gli avvenimenti 
comerinsaldamentodi unalogicadi 
casta, ecc. Non sbaglieremmo di 
molto, tra l’altro, Rimarremmo tutta- 
via interni ad una logica episodica, 
ad unaspiegazione che non spiega. 
La nuova destra, perchè tale era 


anche quel campionario di persone 
sulla mezza età di piazza Duomo, 
chiede un approccio differente, che 
è anche un discorso sulla realtà. 

Noi stessi, nel senso di esperienza 
ECN compiuta ed in atto, possiamo 
costituire il punto iniziale del ragion- 
amento; con cautela, perchè di trop- 
pa autoosservazione, è noto, si 
muore. Ripresentare i termini del di- 
battito relativo alla rete telematica 
che si svolgeva anche pochi mesi fa 
apparirebbe oggi addirittura im- 
pietoso, pertutti, compresi quelli che 
allora si consideravano portatori dei 
discorsi e delle posizioni più avan- 
zate. Ma possiamo illuderci di rap- 
presentare la velocità dei passaggi 
intervenuti nei tradizionali termini li- 
neari, secondo i quali più si fa e più 
c'èdafare? Per intendersi, la famo- 
sa filastrocca di una volta, per cui 
fare la rivoluzione è difficile, vincerla 
quasi impossibile, ma il difficile deve 
ancora venire... Pare evidente che 
non è così: non si tratta di stadi 
dialettici, ma dei conseguimento di 
soglie, di unacostituzione di identità 
che comporta coevi ed impressio- 
nanti fenomeni di retroazione. Come 
testimoniamo con la fisicità - materi- 
ale ed immateriale - del nostro agire 


comunicativo, si tratta di una dislo- 
cazione del reale, non di una sov- 
rapposizione-confusione di piani. Il 
discorso si può sviluppare in varie 
direzioni. Una è certamente quella 
che le teorie neo-connettiviste si 
adattano ben più del meccanicismo 
riduzionista a fornire strumenti inter- 
pretativi dei passaggi che viviamo 
ed agiamo: sia detto con tutto il laic- 
ismo del caso, perchè la soggettivi- 
tà-antagonista-in-rete non è un sis- 
temachiuso nè un nuovo organismo 
biologico di una qualche sorta. Ap- 
profondendo questo filone, emerge 
la necessità di sviluppare un discor- 
so sulla nuova scienza: perchè ab- 
biamo consumato, per esprimersi 
rozzamente, tutta quella che aveva- 
mo, nel senso che non ci fornisce 
ulteriori riferimenti utili al mondo 
doveentriamo. C'è un'area telemati- 
ca apposita, bisognerà cominciare 
ad addentrarvisi . . . L’altra d i rezione è 
quella della ridefinizione del reale, 
cui si presta il fenomeno della nuova 
destra. La nozione non è controver- 
sa: in nessuno di noi c’è il dubbio 
che, dai giovani proletari di periferia 
che vanno allo stadio con la svastica 
agli skinheads alle ondate di piazza 
antiimmigrati, si tratta di qualche 
cosa di diverso da ciò che è stato 


conosciuto dalle passate generazio- 
ni. Non stratificazioni sociali residue 
o nicchie corporative, e neppure la 
vecchia gerarchia della fabbrica 
standardizzata; cosa c’è di più 
remoto dai nuovi tempi della marcia 
dei 40.000? Bisognerebbe stare 
assai attenti però a parlare di civiltà 
dello spettacolo, di schermo o di 
velo che avvolge la realtà, di press- 
ione dei massmedia, insomma di 
simulacri.. Simulacro, utilizzando 
con intenzione l'evocazione prefig- 
urativa di Philiph Dick (1), è il per- 
dere di senso, la disgregazione 
dell'ordito del reale al passaggio tra 
sussunzione formale e sussunzione 
reale. Quando cioè I blocchi, gli 
spezzoni, i singoli elementi che cos- 
tituivano la realtà sono ancora gli 
stessi, ma la relazione generale 
viene meno, nè appare - di necessi- 
tà, dal momento che essa non esiste 
più su quel medesimo piano di realtà 

- una nuova chiave interpretativa, il 
sorgere di un nesso che leghi pro- 
cessi, uomini e cose, cioè il nuovo 
modo di produzione. E' allora che la 
verità prende la forma nebbiosa del 
post-tutto, Tonni-potenza onni-re- 
sponsabile dei massmedia diviene 
una spiegazione tautologica in lotta 

- magari *da sinistra'..- con l'astuto 
relativismo del pensiero debole in 
procinto di dare la massima prova di 
sè, come è impossibile dimenticare, 
al tempo del Golfo. Stiamo perciò 
attenti ai simulacri: quella che era 
potente suggestione in Dick, e già 


impapocchiamento piuttosto noioso 
in molto Baudrillard, adesso non ha 
più niente di nuovo da dirci, e ci porta 
fuori strada. Anche perchè troppo 
spesso, quando i simulacri e le fin- 
zioni fanno male, nel senso che me- 
nano forte, finiamo per ritornare vel- 
ocissimamente all’indietro, con dis- 
corsi su fascisti ed affini che ...altro 
che il socialismo reale! Non ci sono 
doppie realtà: la realtà è una, come 
la verità. La rete dei poteri che si 
distendono lungo il territorio astratto 
dell’economia-mondo, scandendo 
un modo di produzione che è diret- 
tamente comunicazione, costituisce 
di pari passo la realtà. Essa sus- 
sume e ricolloca i vecchi spezzoni 
produttivi, scandisce e riformula i 
territori, attraversa e ricrea gerar- 
chia. Produce soggettività, produce 
riterritorializzazione! Costituisce, in- 
venta, i soggetti della nuova destra 
ed i loro subuniversi come articola- 
zioni e nervature della trama della 
sussunzione reale. Si tratta di una 
soggettività che non potrebbe esis- 
tere al di fuori di questa rete di domi- 
nio: ciò naturalmente non rende 
meno solida la sua realtà, solo più 
micidiale. D’altro canto, un simile 
sviluppo vive appieno nellafine della 
dialettica di lotte e sviluppo cui fac- 
ciamo riferimento: è un esito che 
incombe sull’individuo in quanto non 
resistente, non antagonista, insom- 
ma non altro ed in qualche modo 
interno aiiadinamicadi possibile svi- 
luppo di contropoteri (il riferimento 


non è, ovviamente, ai territori eredi- 
tati dalla città del passato ciclo di 
lotte: ma questo in parte è un discor- 
so ovvio, ed in parte troppo com- 
plesso per affrontarlo qui..) Nella 
sussunzione reale allora il cyber- 
spazio gibsoniano (2) resta una in- 
tuizione ben più vitale di quelle che 
lo hanno preceduto, anche se In 
fondo già inadeguata. In esso infatti 
i due piani di realtà vivono ancora 
scissi; lady 3Jane ci attende nemica 
come un ragno al centro della sua 
tela in un cyberspazio reale ma che 
è ancora una specie di sopramondo. 
Nel ..nostro software invece la 
nuova destra ci tende tranelli e 
morte lungo le articolazioni del 
vivere quotidiano, interamente at- 
traversate, qualificate, spiegabili dai 
processi di valorizzazione in corso. 


(*) Vedi MONNALISA CYBER- 
PUNK, romanzo conclusivo della tri- 
logia dello scrittore 1 cyberpunk* W. 
Gibson. 

(1) Precursore del genere cyber- 
punk, autore tra gli altri di:*UNA 
SVASTICA SUL SOLE' e 'I SIMU- 
LACRI*. 

(2) Scrittore cyberpunk, autore tra gli 
altri di:'NEUROMANTE\ 'GIU’ NEL 
CYBERSPACE', 'MONNALISA 
CYBERPUNK*. 


E.C.N. PADOVA 




Brescia 

NELLE FOGNE DEL NUOVO ORDINE 
Spunti per il dibattito su razzismo 
e "nuova destra sociale" 


C'e’ un dibattito nel movimento che 
ha iniziato a muovere i suoi primi 
passi crescendo sul fertile humus 
dello straordinario ciclo di lotte in- 
sieme ai proletari immigrati, per il 
diritto alia casa nell'ultimo anno: 
quello a proposito di razzismo e 
•nuova destra sociale', cosi' l’ab- 
biamo chiamata. 

E' un dibattito che, anche di fronte 
alla dimensione europea di questa 
problematica, va ripreso e rilancia- 
to. Siamo senza dubbio partiti col 
piede giusto, nel senso che abbia- 
mo preso le mosse dal fenomeno 
dei flussi migratori Sud-Nord, dal 
delinearsi, dentro le lotte, di un 
soggetto proletarie nuovo, leggen- 
do il razzismo come fenomeno in- 
terno alla gestione capitalistica e 
statuale di questi flussi. 

Non abbiamo fatto nostro l'antiraz- 
zismo d'occasione, umanitarista e 
svuotato di ogni analisi di classe, 
proprio di tante 'anime belle' della 
sinistra italiana ed europea. 

Non ci appartiene storicamente un 
discorso che oscilla - per usare i 
concetti di chi e' di recente interve- 
nuto in maniera puntuale e pi ap- 
profondita sul tema - tra C'univer- 
salismo capitalistico' e l"integra- 
zionismo nazionalista'. 


E' il discorso in fondo di chi finisce 
per ballare la musica del potere. 

Allo stesso modo, non e’ possibile 
ragionare sulla cosiddetta "nuova 
destra sociale' (categoria in cui ab- 
biamo collocato, talvolta impro- 
priamente, leghismo, presidenzial- 
ismo, fascisti vecchi e nuovi, ag- 
gregati giovanili razzisti e fascistoi- 
di, sino alla variante terroristica 
della Falange Armata) se non a 
partire dalle profonde trasformazio- 
ni del sistema produttivo e del con- 
testo internazionale. Gira e rigira 
siamo sempre qui, lo scenario in 
cui ci muoviamo e’ - in maniera im- 
prescindibile - quello della sussun- 
zione reale, della mondializzazione 
del mercato capitalistico, del 
Nuovo Ordine Mondiale come 
forma politica del dominio... Stiamo 
cioè’ parlando di fenomeni molto 
diversi tra loro, ma che squazzano 
tutti nello stesso brodo sociale. 

Non credere nei media! Cerchiamo 
pero' di sfuggire all’amplificazione 
mediatica di questi fenomeni. Un 
esempio per tutti: il ripetersi di at- 
tacchi razzisti nei territori della ex 
DDR nelle ultime settimane, sfocia- 
to negli episodi piu’ clamorosi di 


Hoyerswerda. I media hanno dato 
molto risalto soprattutto al fatto che 
tre/quattrocento abitanti del posto 
avrebbero applaudito gli assalti di 
un pugno di nazi-skin nei confronti 
di rifugiati monzambicani. 

Da ciò', anche nel movimento tede- 
sco, l’immagine di una società' 
tedesco orientale in via di ■fascis- 
tizzazione'. Non trovano spazio, in- 
vece, alcuni dati altrettanto signifi- 
cativi: al corteo autonomo, antifas- 
cista e antirazzista che, domenica 
29 settembre, ha attraversato 
questa cittadina della Sassonia, si 
sono uniti almeno millecinquecento 
operai e proletari del posto; molti di 
loro probabilmente erano tra gli 
oltre diecimila operai che hanno 
bloccato tutto il pomeriggio dì sa- 
bato un’importante nodo autostra- 
dale per protestare contro la ristrut- 
turazione e i licenziamenti, segnale 
di contraddizioni sociali sempre 
piu' dirompenti in cui inciampa il 
piano del capitale nell'integrazione 
dei mercati dell’Est. 

Piu’ evidente e' come lo scatenarsi 
delle bande neonaziste accompag- 
ni in modo lugubre il dibattito istitu- 
zionale che ha visto democristiani 
e socialdemocratici accomunati 
dalla richiesta di un'ulteriore restri- 


5 


zione della normativa sul diritto 
d’asilo... 

Ma quali “fantasmi del passato': 
degli anni ’20/’30, la sinistra rifor- 
mista' europea sembra solo mi- 
mare la tragica incapacita’ di com- 
prendere le mosse del nemico. 

Il razzismo di stato, istituzionale, 
che in Germania ha il volto dei 
lager per gli Asylanten. qui da noi 
quello dello stadio di Bari e in tutta 
Europa quello della rete di controllo 
poliziesco, discriminazione ed es- 
clusione nei confronti degli immi- 
grati; il razzismo sociale, costruito 
ad arte dai media e dalla diffusione 
di una vecchia/nuova cultura rea- 
zionaria di massa, caratterizzata 
dalla creazione di identità’ fondate 
sull'esclusione dell’altro, de! diver- 
so, dal godimento delle briciole 
delia ricchezza socialmente prodot- 
ta; il razzismo "differenzialista', ide- 
ologia colta, la cui vulgata viene ad 
esempio utilizzata dai ciarlatani 
delia Lega Lombarda, che postula 
rincomunicabilita' tra culture dif- 
ferenti (a cui viene riconosciuta ap- 
parentemente pari dignità’) e il ri- 
schio della contaminazione, attri- 
buendo un ruolo 'culturale' insosti- 
tuibile a frontiere e polizie; ebbene, 
sono tutte facce della stessa me- 
daglia... 

Questo perche’ immigrazione e 
razzismo, al di la' della dimensione 
quantitativa che questi fenomeni 
assumono nei diversi paesi, diven- 
tano questioni centrali, banco di 
prova per l'edificazione, sulle 
ceneri dei regimi socialisti e della 
Baghdad di turno, del Nuovo Or- 
dine Mondiale (pochi stanno ricord- 
ando come questa terminologia ri- 
chiami direttamente quel Nuovo 
Ordine Europeo che i nazisti negli 
anni ’40 si proponevano di imporre 
alle 'razze inferiori') e dentro ques- 
to quadro, della società’ duale, 
fondata sulla stratificazione gerar- 
chica della forza-lavoro, sulla crea- 
zione di un sistema di ghetti. 
Sta’ qui tutto il peso del neorazzis- 
mo. nel suo essere un fenomeno 


connaturato alla dimensione at- 
tuale, moderna del comando capi- 
talistico. 

Il sistema di dominio non può' so- 
pravvivere senza costruire fron- 
tiere, steccati, differenziazioni all'in 
terno del mercato del lavoro, tra 
gli sfruttati. 

Ancora una volta, altro che fantas- 
mi del passato'! 

Allo stesso modo la definizione 
dell’immigrato come 'soggetto 
pericoloso, a rischio", la costru- 
zione intorno a questo soggetto di 
una fitta maglia di controllo, gli 
sforzi per integrare e/o ghettizzare 
le comunità' terzomondiali nelle 
metropoli europee testimonia 
come, da parte del capitale, si 
siano individuate - sulla scorta 
dell'esperienza delle lotte operaie 
in Germania e Francia negli anni 
70 e di fronte all'esplodere oggi 
delle rivolte nelle periferie di Parigi 
e Londra - alcune caratteristiche di 
questa composizione e tutta la sua 
potenziale carica antagonista: l’es- 
trema mobilita’ ne fa' un veicolo 
di comunicazione delle lotte, 
memoria vivente della barbarie 
imposta dall'imperiaiismo al Sud 
del pianeta. 

Tutt'altro che arcaico e’ quindi 
l’emergere della cosiddetta 'de- 
stra sociale', che proprio sull'attac- 
co nei confronti dei proletari im- 
migrati e di qualsiasi soggetto es- 
prima diversità' e alterita’, caratte- 
rizza in forme diverse il proprio 
agire politico. Focalizziamo la nos- 
tra attenzione sulla questione 
Lega. Liquidarli come fascisti e' 
fuorviante, non si coglie come 
siano espressione in termini di 
rappresentanza politica di un ceto 
capitalistico di comando (qualcuno 
l’ha definita una 'nuova oligar- 
chia') prodotto dalla ristruttu- 
razione e dal decentramento pro- 
duttivo: sono padroni e padroncini 
delle fabbriche e dei laboratori del 
lavoro nero che, dopo essersi in- 
gozzati al tavolo della sconfitta 
ooeraia dei orimi anni ’80. cerca- 


no di pesare sul quadro politico 
generale, come elemento di ac- 
celerazione delle trasformazioni in 
atto nel sistema dei partiti. Ecco 
che il fenomeno del leghismo si 
rivela piu’ che compatibile, anzi 
funzionale allo strutturarsi dell'Eu- 
ropa dei padroni, ai processi di in- 
tegrazione in atto. 

E le odiose campagne antiimmigra- 
ti non sono il frutto malato del 
pregiudizio, ma elemento costituti- 
vo della società' duale. 

Per concludere, condividiamo 
l'esigenza di dar fiato ad una 
grande battaglia contro il razzismo 
e la discriminazione, per la soli- 
darietà' di classe, che riesca ad in- 
vestire l’intero tessuto sociale con 
la capacita’ di costruire comunica- 
zione reale tra differenti soggetti 
proletari. 

Parallelamente e' necessario svi- 
luppare un dibattito che colga i ca- 
ratteri di fondo del neorazzismo e 
gli elementi di modernità' che ca- 
ratterizzano il fenomeno della 
'nuovo destra sociale* ... per con- 
trapporre a questa nuova barbarie 
la radicale alterita' dei percorsi 
collettivi, comunitari, di liberazione. 

ECN Brescia 


5 




Firenze 
IL PROGETTO 


"FIRENZE DEL 2000" 


Tra ristrutturazione produttiva 
e ristrutturazione urbanistica 


Lo sviluppo industriale del sistema 
Firenze non è perfettamente as- 
similabile a quello delle altre metro- 
poli industriali del Centro-Nord Ita- 
lia, ossia ha avuto uno sviluppo ur- 
bano e produttivo non sbilanciato 
unidirezionalmente come città-fab- 
brica, città ritmata dal triplo turno di 
fabbrica di 8 ore, e conformata 
relativamente a questo, bensì arti- 
colata in un sistema economico più 
agile, fondato sì sull'industriaiiz- 
zione, ma prevalentemente a pic- 
cola impresa, diffusa su gran parte 
del territorio. Un sistema che, in 
diversa misura, ha sempre giovato 
di quella sorta di accumulazione 
originaria che è il possesso di 
opere d'arte e di una tradizione 
storica convenzionalmente osan- 
nati, portatori di turismo di qualità e 
di massa, datori di lavoro ad un in- 
dotto largamente distribuito nella 
società fiorentina. Tale sistema 
produttivo articolato ha permesso 
una più veloce sperimentazione in 
loco, da parte del capitale indus- 
triale e finanziario, di quella ristrut- 
turazione produttiva che si è avvia- 
ta nelle città-fabbrica del nord a 
partire dallafine degli anni '60: il 


modello fiorentino, in quanto non 
compromesso nella monofun- 
zionalità dell’industria pesante, ed 
in quanto strutturato urbanisti- 
camente in un ordine/disordine fa- 
cilmente reversibile, ha potuto av- 
viare un discorso di rinnovo della 
propria economia sotto la forma di 
predominio dell’attività terziaria - 
gestionale - della produzione, in 
luogo della stessa produzione in 
senso stretto, posta a margine del 
nuovo modello. 

Se il Piano Regolatore del 1962 (il 
'Piano Detti', quello che per primo 
mette in evidenza la possibilità di 
colonizzare la piana di Sesto e 
che, in virtù di questo orientamen- 
to, induce la Fondiaria ad appropi- 
arsi del vasto terreno, su cui tuttora 
rivendica il diritto di edificazione) e 
la nascita dei Pitti Moda, risalente 
a quel periodo, hanno gettato le 
basi della ristrutturazione, è inne- 
gabile che il vero toccasana, la 
molla che ha fatto scattare in 
forma palese il processo, sia stata 
l’alluvione del '66, o meglio l’impat- 
to che essa ha provocato sulla po- 
polazione, strumentalizzata dal 


nuovo sviluppo che veniva ad im- 
porsi. 

In sintesi la città di Firenze negli 
ultimi venti anni ha proceduto a 
smantellare e trasferire tutte quelle 
attività industriali che dovevano la 
costruzione di nuovi edifici residen- 
ziali e commerciali, o dai quali 
erano di fatto ormai circondate; 
questi trasferimenti sono stati fun- 
zionali ai veloce trapasso tecno- 
logico ed al relativo taglio occupa- 
zionale, così come all’immobilizzo 
di capitale in quelle vaste aree dis- 
messe, in attesa che II loro riutiliz- 
zo in altra funzione portatrice sia di 
lauto profitto sia di organizzazione 
strumentale alle nuove esigenze di 
riorganizzazione urbana solidifi- 
cante le basi dei sistema economi- 
co capitalistico. L’area Fiat di No- 
voli tarda questa transmutazione, 
intendendo l'azienda realizzare il 
massimo profitto facendo, secondo 
il consueto stile Fiat (vedi affare- 
Alfa Romeo o quello di Melfi), 
scaricare sul complice Stato le 
spese dei propri cambiamenti, con- 
siderando tra l’altro che quell'area 
fu regalata al senatore Agnelli dal 


6 



duce Mussolini, affinchè ia produ- 
zione bellica aerea, targata appun- 
to Fiat, non fosse vicina al nemico 
francese, ma più protetta e quindi 
più verso il centro Italia. 

*** 

Così una citta quale l'odierna, de- 
regolata dal flusso continuo di 
merci immateriali determinate nelle 
professioni più effimere ma gravide 
di alti profitti, un modello che pog- 
gia proprio sulla cooperazione so- 
ciale (non intesa ovviamente in 
senso solidaristico) non retribuita, 
che poggia sulle forme di autorap- 
presentazione deila cultura domi- 
nante e del potere, necessita una 
svolta pesante ed irreversibile 
verso questo nuovo modello, come 
esigenza di sicura ed al tempo 
stesso ricca capitalizzazione a 
lungo corso. Lo sviluppo deila città 
in tutto lo spazio settentrionale 
dell’Arno risponde anche a quelle 
esigenze del grande capitale, inter- 
essato ad investire su qualunque 
cosa, purché investa, spaventato 
dalla futura recessione che avanza 
dalle capitali finanziarie mondiali 
sotto forma di penuria di liquidità e 
di sovrapproduzione, e quindi di 
scopertura finanziaria ovvero ban- 


carotta. Questo sviluppo servirà poi 
alle truppe edili che saranno coin- 
volte nella costruzione e che hanno 
propri rappresentanti nelle giunte 
comunali (cooperative e grandi im- 
prese); servirà ai plotone di botte- 
gai che potrà trincerarsi ai margini 
e nelle fessure dei nuovi servizi 
politico-finanziari che ivi sorgeran- 
no. Con tracotanza e prepotenza le 
corporazioni forti legate alla specu- 
lazione immobiliare, alla Moda, alla 
cultura mercificata nei panni di vel- 
leitarie mostre, al commercio botte- 
gaio sempre più svincolato dai bi- 
sogni vitali della gente, elitario ed 
intollerante verso coloro che usano 
parsimonia nei loro confronti - ex- 
tracomunitari, studenti, anziani, 
emarginati, tossicodipendenti, tutte 
categorie deboli e sempre meno 
volute nella città che vanta il men- 
zognero attestato di capitale della 
cultura. Uno sviluppo che ha acuito 
differenze sociali e salariali, che ha 
incrementato il numero e la fre- 
quenza di patologie sociali proveni- 
enti da una impietosa alienazione 
in tutto l’arco della giornata sociale, 
che nutre il freddo cinismo e la 
desolidarizzazione, conducendo un 
crescendo dì giovani nell’imbuto 
delia tossicodipendenza; un dram- 
ma in primo luogo di natura sociale 


e che solo l’impegno e l'intervento 
sociale può recuperare o evitare: 
questo per rispondere alle teorie 
esemplificatone di diffusi comitati 
rionali antidroga i quali, stimolati 
dai sindacati di polizia, ritengono il 
problema di esclusivo ordine pub- 
blico. Lo sviluppo economico capi- 
talistico ha portato ad una esalta- 
zione dell'Individuo, dell'autarchia 
sociale ridotta al singolo soggetto 
in competizione con tutti gli altri per 
giungere al proprio libero sviluppo, 
all’esasperazione del consumo in- 
dividuale: è questo un terreno che 
ha nell'eroina il suo immediato ro- 
vescio, la quale, a sua volta ha nel 
suo rovescio 'pulito' la realtà de! 
narcotraffico, oggi una delle tante 
attività remunerative affiancagli al 
Pitti o ad una agenzia di pubblicità. 
Lo sviluppo urbano di Firenze, nel 
ricco progetto della piana, tende, 
come vedremo più avanti, ad ac- 
centuare l'ideologia dell'individuo, 
e non potrà che giovare ai finanzie- 
ri del narcotraffico e colpire a tap- 
peto gii strati sociali più esposti. 

Firenze, da semi-città/fabbrica, 
dallo sviluppo se non proprio ordi- 
nato, almeno leggibile, si è pro- 
gressivamente trasformata in realtà 
indecifrabile, entropica, centrifuga 
e centripeta, costantemente di- 
namica: si è spogliata delio 'status" 
di città, per acquisire quello di me- 
tropoli, espandendo la propria in- 
fluenza da strettamente locale a re- 
gionale; ciò assumendo il ruolo- 
guida delle principali economie re- 
gionali, acquisendone il controllo 
direzionale e commerciale, influen- 
zandone le produzioni stagionali, 
subordinando così ia sicurezza oc- 
cupazionale dei lavoratori alle 
tendenze, o meglio ai trend' domi- 
nanti decisi in altre sedi. 

*** 

Oggi, tutto quanto si è più o meno 
spontaneamente creato a livello di 
organizzazione dell'economia su 
scala sovraterritoriale (a Firenze, 




come in altre città italiane), viene 
ratificato nella legge 142/90, che 
istituisce l’organo di Città Metro- 
politana, governata da un supersin- 
daco che viene a sovrapporsi, giur- 
isdizionalmente, all’organo della 
Provincia, ma con un potere ese- 
cutivo amplificato e gerarchi- 
camente superiore a quelli dei co- 
muni interessati dalla sua influen- 
za, nelle specifiche funzioni che gli 
spettano. La supergiunta sarà un 
organo esecutivo molto più snello e 
rapido delle tradizionali giunte re- 
gionali, provinciali e comunali, pro- 
prio per il motivo che acquisisce 
poteri sottraendoli a ciascuna delle 
tre istituzioni, riunendoli in un'unica 
mano. In questo racchiude molta 
importanza l'eredità che avrà dalla 
Regione in merito alla pianifica- 
zione territoriale, seppure entro il 
solo territorio provinciale: la Città 
Metropolitana potrà espandere la 
sua estensione rapidamente in 
tutto il suo territorio, senza essere 
tenuta a rispondere ad una logica 
di indirizzo regionale, e quindi 
potrà situarsi, istituzionalmente, 
sullo scalino più alto di tutta la re- 
gione, costringendo indirettamente 
i territori esterni ad adeguarsi alla 
linea di sviluppo impressa, in quan- 
to gli equilibri territoriali sono for- 
temente influenzati dagli sviluppi 
adiacenti a tale equilibrio, ed uno 
sviluppo cosi' massiccio determina 
inevitabilmente una forte influenza 
su tutto l’intorno. 

In pratica, proprio dalla pianifica- 
zione del territorio inedificato, ed il 
recupero di quello dismesso, la 
costituenda Città Metropolitana 
dell'Area Fiorentina si prepara a 
riordinare ed istituzionalizzare la 
propria condotta di sviluppo su un 
territorio di estensione regionale, 
attraverso una collezione di inter- 
venti (descritti in dettaglio nella 
scheda che segue). Ed uno dei 
preparativi, che ha anticipato di 
poche settimane la redazione della 
legge 142, è stato il, di fatto, rea- 
zionario riaccentramento dei quar- 
tieri, fino allo scorso anno 14, oggi 
5, in cambio di accrescimento di 


potere ai nuovi organismi, abbas- 
tanza grandi per dirsi irraggiungibili 
dalla base popolare, ed alla giusta 
distanza per permettere a partiti 
bianchi, rossi e verdi di decidere 
contrattualmente tra loro spartizioni 
favorevoli ai rispettivi protettorati. Il 
fatto che quando v'erano 14 consi- 
gli di quartiere, l'immobilismo era 
predominante, significa che quegli 
stessi non solo godevano di un ef- 
fimero decentramento, ma erano 
già quelli troppo estesi. Oltre tutto, 
tale redistribuzione, votata in uno 
degli ultimi esecutivi della passata 
giunta rossa, permetterà un pe- 
sante taglio di spesa pubblica a 
scapito delle categorie più deboli, 
in virtù dell'accorpamento di strut- 
ture sociali, sanitarie e scolastiche 
da essere distribuite ed adatte per 
14 quartieri, a solamente 5, anche 
se oggi il più piccolo di questi pos- 
siede tanti abitanti quanti quelli di 
Scandicci, ed il più grande ne con- 
tiene tanti quanti una volta e 
mezzo quelli di Prato. 


viene delineando nella piana allu- 
vionale dell’Arno, entro i confini co- 
munali di Campi Bisenzio, Sesto 
Fiorentino e Firenze, la quale 
troverà legale applicazione quando 
la legge 142 sarà in grado di fun- 
zionare. Sorvoliamo al momento 
sul tema dell'area Fiat, che sarà 
trattata singolarmente in futuro, 
consideriamo invece la sostanza 
dell’intero progetto condotto, per 
ora, dalla Regione Toscana nella 
veste di *Gestione dello Schema 
Strutturale dell'area metropolitana 
FI-Prato-PT 1 , presentato sotto le 
mentite spoglie di Parco Metropoli- 
tano. Consiste In un vasto lavoro di 
pianificazione di insediamenti terri- 
toriali volti a colonizzare l’intero 
suolo tuttora lìbero da architetture, 
con funzioni incredibilmente pesan- 
ti (centri direzionali, assi viari a 
scorrimento veloce, aeroporto..), 
fatti passare ail'opinione pubblica 
come interventi marginali ad un 
grande parco al servizio 
deii’umanità toscana. 


Esaminiamo allora come si concre- 
tizza a livello pratico il concetto di 
'area metropolitana', attraverso 
l’incredibile lottizzazione che si 


il Viale Xi Agosto, quello dove ten- 
tarono di insediare l'inceneritore 
mobile, è previsto come limite de- 
stro del 'Parco', e costeggerà i mi- 
lioni di metri cubi che la Fondiaria 
da ormai ventanni è disposta ad 



6 


erigere, in coerenza con i propositi 
delie ultime amministrazioni comu- 
nali; segue l'aereoporto, opportu- 
namente allungato di 250 mt, e 
subito affiancato dalla nuova 
università scientifica; ancora pro- 
cedendo verso Prato, scopriamo 
che il Comune di Sesto ha già de- 
ciso di mutare la pianura sottos- 
tante, delimitata dalla ferrovia e 
dall'autostrada Fi-Mare, in enorme 
complesso polisportivo; a questo 
progetto si affianca quello della 
Federcaccia, detto 'Progetto Laghi 
Lunghi', ovvero lo scavo di laghi e 
laghetti atti ad invogliare potenziale 
cacciagione a fare nido in loco. 

In simmetria al Centro Direzionale 
Fondiaria ne è previsto un altro che 
verrà abbracciato dal costruendo 
nuovo raccordo Al -Al 1, che, parti- 
colarmente ampio, permetterà al 
suo interno la pesante edificazione 
in adiacenza agii esistenti Motel 
Agip e chiesa dell'autostrada. 
Case Passerini subirà l’intensifica- 
zione dell'attività di smaltimento ri- 
fiuti, unitariamente a quella di com- 
postaggio. 

A S. Piero a ponti vedremo il centro 
intermodale di trasporto merci 
gomma-rotaia e viceversa, mentre 
a nord di Campi lo spazio della 
festa dell’Unità sarà affiancato da 
funzioni analoghe. 

A supporto di tutto questo verranno 
incontro chilometri di nuove auto- 
strade - FI/Prato/PT, tangenziale 
collinare di Firenze (Rifredi-Rovez- 
zano), raddoppio dell'Autosole da 
Incisa a Barberino, raccordo 
Lucca-Empoli (così da scaricare di 
questo compito la Fi-Mare). 

Il parco sarà allora solamente un 
riempitivo nei triangoli di terreno 
inutilizzati, coprendo inestetiche 
autostrade ed oasi riservate ai 
manager dei centri direzionali. 

*** 

Appare chiaro, dunque, come 
questo parco sia solo un escamot- 
age utile ad accaparrarsi il consen- 
so popolare, manipolato, a livello di 
base nelle fìtte assemblee sparse 
in varie case del popolo, con la 


costante connivenza della Lega 
Ambiente e dei gruppi consiliari 
'progressisti*. Del resto è suffi- 
ciente pensare alla convenienza 
che un PDS ricava da una riqualifi- 
cazione del territorio dove annual- 
mente tiene la Festa dell’Unità, o 
all'interesse che lo ha spinto a vo- 
tare l'ultima variante urbanistica 
comprendente, oltre la Fondiaria e 
l’aereoporto, anche il piano Iperco- 
op nell'area ex-Longinotti da anni 
occupata come Centro Sociale 
Autogestito. 


*** 


Il mega-progetto risponde a tutte le 
petizioni delle massonerie econ- 
omiche e finanziarie fiorentine, 
grandi e piccole, è una grande torta 
con un elevatissimo giro di miliardi 
che saranno ordinatamente spartiti 
a tutti i commensali; se da un lato 
ciò serve per rilanciare l'economia 
fiorentina, e quindi a sollevare le 
situazioni economiche ad ogni li- 
vello, attraverso il ricco indotto cui 
farà seguito, dall'altro lato tutto 
questo porterà ad un irreversibile 
peggioramento della qualità della 
vita tutte le popolazioni investite, 
ad un sicuro aumento del costo 
della vita dettato dall’ulteriore rin- 
caro immobiliare, e dalle manovre 
fiscali che le singole amministrazio- 
ni attueranno per reperire i necess- 
ari capitali. 

La città dell’alta finanza, affiancata 
dalla città-vetrina del Centro Stori- 
co, incrementerà l'emarginazione 
delle fasce sociali più povere, pa- 
rimenti incrementerà il senso di 
quotidiana alienazione nella vita 
della gente, preparando terreno 
fertile alla tossicodipendenza 
Traffico, penuria idrica, avvele- 
namenti ambientali appartengono 
al futuro di questa zona se non si 
costituirà un'opposizione reale ca- 
pace di vedere nei padroni della 
città coloro che innescano tutti quei 
disagi che sempre siamo costretti a 
sopportare: partendo dalla corretta 
attribuzione delle responsabilità - 
stando alla larga da quei gruppi 
nati a scopo di calmierare i fermen- 


ti sociali, attraverso la distorsione 
degli obbiettivi, puntando sempre 
al dialogo con le istituzioni par- 
titiche - che bisogna stabilire un'ef- 
ficace azione di lotta contro tutto 
ciò e tutti quelli che realizzano le 
proprie ricchezze a spese della sa- 
lute di intere popolazioni e di future 
generazioni. 

Essere ambientalisti non significa 
scrivere su carta riciclata, nutrirsi di 
costosi prodotti macrobiotici o an- 
dare in giugno a ripulire spiagge 
turistiche, quanto piuttosto lottare 
per la salute del proprio ambiente 
con la consapevolezza che signifi- 
ca lottare per la propria salute 
presente e futura. 

A riguardo del tema sul parco me- 
tropolitano, mettiamo allora in evi- 
denza che la stessa idea di grande 
parco per tutti i popoli del Valdarno 
è una trappola che permette di 
sviare il problema degli spazi verdi, 
cronicamente mancanti in tutta la 
città: vi sono interi quartieri inter- 
amente sguarniti di necessari 
giardini e punti di socialità, dove i 
bambini hanno poche possibilità di 
incontro reciproco e crescita collet- 
tiva al di fuori della trame istituzion- 
ali (asili e scuole) e dove quegli 
scarsi triangoli di verde sono cos- 
parsi di siringhe, rientrando il dro- 
gato in questo perverso meccanis- 
mo; pertanto è da respingere la so- 
luzione di un grande parco - inteso 
reale e non virtuale come quello 
proposto - se alle spalle di questa 
intenzione non c’è un preliminare 
progetto di riqualificazione e crea- 
zione di spazi verdi e spazi sociali 
all’interno di ogni rione e a partire 
da tutti quei luoghi, diffusi in tutta la 
città, oggi abbandonati al narcotraf- 
fico. 

Rifiutare la logica del parco signifi- 
ca allora respingere tutta la specu- 
lazione che si cela dietro, ma 
anche rivendicare la propria priorità 
in seno al principio che per prime 
devono essere fatte quelle cose 
che ci spettano di diritto e che ci 
vengono continuamente negate, e 
non quelle che servono ad arric- 
chire gli altri a nostre spese. 



9 


Firenze 

COME NASCE IL NARCOTRAFFICO 
Una storia esemplare: LA COLOMBIA 


Il 19 Giugno 1991, Pablo Escobar, 
considerato il capo del ‘Cartello di 
Medellin*, si consegna alla giustizia 
colombiana dopo aver ricevuto 
ampie garanzie di impunita’. Si e' 
detto che un duro colpo, forse quello 
decisivo era stato inferto al traffico di 
cocaina. Ma basta dare un’occhiata 
alle statistiche, anche qui in Italia, 
su! consumo presunto e sui seques- 
tri di cocaina per rendersi conto che 
la realta' e' ben diversa. In questi 
ultimi anni le pagine di giornali e 
riviste, i servizi televisivi, si sono 
riempiti di notizie sulla lotta al narco- 
traffico in Colombia. Sono cosi’ 
diventati famose le tre grandi fami- 
glie mafiose che gestiscono la com- 
mercializzazione della cocaina in 
Colombia: Il Cartello di Medellin, 
quello di Bogota' e quello di Cali. 
Questo affluire di notizie nel Nord 
opulento del mondo, cioè’ nei mer- 
cato del 'prodotto cocaina 1 , e’ tutto 
teso a dimostrare che e’ tutta una 
storia di 'buoni* e 'cattivi', dove i 
'buoni' sono lo Stato colombiano e 
l'amministrazione americana prima 
di Reagan e poi di Bush con il suo 
esercito e i suoi servizi segreti anti- 
droga, l’ONU e i suoi piani antidro 


ga, e i 'cattivi' sono i coltivatori di 
cocaina e chi la commercializza in 
Colombia. Viene spontanea una rif- 
lessione. Con tutti i mezzi a disposi- 
zione dei 'buoni' e' mai possibile 
che non siano ancora riusciti a vin- 
cere ì 'cattivi*? La Colombia e’ infatti 
un tipico paese del Sud del mondo 
supersfruttato dai padroni dell"oc- 
cidente capitalistico’, le grandi multi- 
nazionali: il prodotto nazionale lordo 
per abitante, nel 1983 era di 1220 $ 
per abitante, ma il salario medio per 
abitante ammonta a 1 60 $ mensili, il 
salario minimo e’di 90.000 lire, ma 
almeno il 20 % della popolazione 
percepisce molto meno, questo 
nonostante che la Colombia sia per 
l’85% autosufficente per i prodotti 
petroliferi e che esporti caffè’, co- 
tone e tabacco, ma anche smeraldi 
e petrolio. Nel 1980 la Colombia 
aveva circa 30 milioni di abitanti, ma 
10 anni dopo erano meno di 27, 
questo sia perche’ vi e’ un forte flus- 
so migratorio verso gli USA e il 
Venezuela, sia perche’ morire am- 
mazzati e’ diventato sempre piu’ fre- 
quente, solo gli omicidi legati al nar- 
cotraffico ammontano a quasi 
20.000 ogni anno. 57 bambini su 


1 000 nati muoiono di denutrizione e 
diarrea prima di compiere un anno 
di vita. Il tesso di analfabetismo e’ 
del 35 % e solo l’I % della popola- 
zione ha accesso alPuniversite’. Da 
piu’ di 40 anni, varie organizzazioni, 
di diversa estrazione politica hanno 
scelto la strada della guerriglia, 
come unica possibile per portare 
avanti delle rivendicazioni politiche 
e sociali. Lo stato d’assedio, che 
revoca le piu’ elementari liberta’ 
politiche e sociali e’ rimasto in vigore 
quasi ininterrottamente dalla fine 
della seconda guerra mondiale e 
solo a luglio di quest’anno con la 
promulgazione della nuova costitu- 
zione e’ stato tolto, ma non e’ detto 
che duri molto. L’astensione del 
volto, nelle cosiddete ‘libere elezio- 
ni’ tocca in genere il 70 %, ma la 
meta’ del rimanente 30 % sono pale- 
semente voti comprati. La Colombia 
poi, non e’ mai stata e non lo e’ 
tuttora una grande produttrice di 
coca, ne’ lo potrebbe essere perche’ 
il terreno non e’ adatto alla coltiva- 
zione e la piante cresce male e con 
uno scarsissimo contenuto di alca- 
loidi. Infatti solo in particolari e ris- 
trette zone i contadini indios usano 


9 



masticare foglie di coca per com- 
battere la fatica e la fame. Anche 
oggi in Colombia piu' che essere 
prodotta localmente viene com- 
mercializzata la cocaina estratta 
dalla coca prodotta in altri paesi lati- 
noamericani. Ma perche' allora in 
Colombia si inizia a raffinare e ven- 
dere la cocaina ? La storia inizia 
negli anni '60 e chi ha tentato di 
raccontarla ha in genere fatto una 
bruttatine, come e’ successo a Juan 
Gabriel Caro Montoya, giornalista 
colombiano che viveva In Italia. Nel 
1989 pubblica su 'Latinoamerica', 
una piccola rivista, un lungo arti- 
colo che analizza la situazione co- 
lombiana sotto lo pseudonimo di 
Annette Van Verhigen. A luglio 
dello stesso anno scrive alla sua 
compagna: *Sono in percolo.., 
hanno saputo dell'artcolo sulla Co- 
lombia e i mafiosi vogliono farmi 
le scarpe.' Il 16 agosto Gabriel 
Montoya muore in un bar falciato 
da una raffica di mitra. Riportiamo 
alcuni stralci di quell'articolo, poi 
ripubblicato da 'Avvenimenti*, che 
spiega come i mafiosi di Medeilìn, 
Cali e Bogota’ iniziano la loro re- 
munerativa attività’ e come coloro 
che ci vengono fatti apparire come I 
'buoni', in realta' sono ben peg- 
giori dei 'cattivi*. 


-Il connubio fra narcotrafficanti e 
governo e' cominciato alla fine 
degli anni '70 - inizio anni '80. A 
quell'epoca, la marijuana colombia- 
na, specie quella della zona di 
Santa Marta - chiamata appunto 
•Gold Santa Marta' - era consider- 
ata la migliore d’America. La con- 
trabbandavano una tribù' di indios 
guajiros e la meta' del mondo 
politico liberale e conservatore di 
Santa Marta e di Barranquilla, gov- 
ernatori e sindaci compresi. Co- 
munque non spetta ai colombiani 
la responsabilità' d'aver dato inizio 
al traffico di droga: sono stati i 
nordamericani a venirsela a cer- 
care, perche’ la marijuana qui 
e' una pianta spontanea. Prima 
sono arrivati ì piloti, reduci dal Viet- 
nam, e poi anche i colonnelli della 
base del Canale di Panama, con 
aerei speciali. E gli Indios guajiros 
hanno imbarcato migliaia di ton- 
nellate di 'Gold Santa Marta' su navi 
e aerei diretti negli USA -La pros- 

perità' marijuanera - o marimbera, 
come la si chiama qui - e’ durata 
poco. Improvvisamente il governo 
colombiano, tramite il ministro 
della giustizia Parejo Gonzales ha 
ricevuto centinaia di tonnellate di 
diossina, glifosfati ecc . con cui 
poi elicotteri nordamericani hanno 


'bombardato' tutte le colyivazioni 
'd'erba* del paese: dalla Sierra Ne- 
vada a Santa Marta del Sud. Ne 
sono state distrutte agricoltura e 
terra, mentre centinaia di indios 
sono morti contaminati. Ma il danno 
non s’e’ fermato li' perche’ a 
Santa Marta sono già’ nati 10 bam- 
bini privi di cervello, con la spina 
dorsale bifida, concepiti e nati nelle 
zone bombardate; e la stessa cosa 
accade nel Sud del paese, nel 
Caqueta' e nel Cauca. Il risultato e' 
stata la fine della mafia della mari- 
juana, ma stranamente la mari- 
juana e' diventata la seconda 
coltivazione degli Stati Uniti, La 
qualità’ e’ la stessa, perche’ ne 
sono stati esportati foglia e seme; e 
ora la si coltiva in California, 
nell'Oregon e - in genere - in tutto il 
Sud del Nord America. La mari- 
juana ha cosi' risolto la crisi dei 
farmer, colpiti duramente dalla ca- 
duta del prezzo del mais e del 
grano; inoltre gli statunitensi, com- 
mercianti accorti, hanno inventato 
la birra di marijuana che ora arriva 
di contrabbando in Colombia. La 
marijuana USA si chiama 'senza 
seme' e procura agli Stati Uniti un 
Introito annuo di 18 miliardi di dol- 
lari. Nella catena di bar 'Bulldog' 
che in Olanda commercia lib- 
eramente la marijuana, si vende in 
particolare proprio la "senza seme' 
e negli Stati Uniti dove circolano 
perfino carte di credito riservate 
all’acquisto delferba', nei negozi 
che vendono la 'senza seme si 
proiettano videocassette in cui si 
vedono gli elicotteri bombardare di 
diossina e glifosfati le coltivazioni 
della *Gold Santa Marta'. Che ora e' 
rimasta poca e che nessuno com- 
pra piu’ perche’ contaminata. 
Quella che era la 'regina' delia 
marijuana e' diventata cosi' spaz- 
zatura, non solo negli Stati Uniti ma 
anche in Europa II pretesto cui gli 
USA sono ricorsi per distruggere la 
•Gold Santa Marta* e’ stato che la 
sua coltivazione era nelle mani della 
'narcoguerriglia' e che pertanto, 
essa serviva ai 'comunisti* colom- 
biani perfinanziare la rivoluzione. In 
realta’ e’ servita a conservatori e 



liberali, cioè' ai nemici delia guerrig- 
lia. Finita la prosperità’ marijuanera, 
e’ cominciato, qualche anno piu' 
tardi, il commercio della coca. La si 
produce in Bolivia e in Perù’. Gli 
indios la usano dai tempi degli Incas 
per placare la fame e cancellare la 
stanchezza, come thè, per indovi- 
nare la sorte, ed e' la base millena- 
ria di tutta la medicina indigena 
delle Ande e della selva amazzoni- 
ca I mafiosi colombiani hanno co- 
minciato a raffinarla in Colombia. - 

Dunque le famiglie mafiose di 
narcotrafficanti hanno il loro battesi- 
mo, quando la vendita della mari- 
juana, che in Colombia cresceva 
spontaneamente, diventa un 'gros- 
so business', (dopo che gli ufficiali 
USA l’hanno ■valorizzata*) che non 
può' essere lasciato nelle mani 
degli indios guajlros. Poi l'affare 
diventa cosi’ grosso che gii Stati 
Uniti decidono di distruggere una 
volta per sempre, quelle che nei 
frattempo eremo diventate grandi 
coltivazioni, con il loro solito stile, 
senza curarsi della sorte delle popo- 
lazioni locali e dell'ambiente in cui 
vivono, e gestiscono in proprio l’in- 
tero ciclo produttivo e distributivo 
che ormai ammonta a decine di 
miliardi di dollari, questo nonos- 
tante le crociate di Bush contro la 
droga Vero e' che la marijuana non 
bagli effetti devastanti delle droghe 
pesanti, ma definire ipocrita e 
genocida tale comportamento e’ 
fare un complimento alle multina- 
zionali agricole occidentali, prime 
responsabui di questa storia Pochi 
sanno infatti che in USA in 48 Stati, 
di cui in 11 legalmente, si coltiva 
marijuana e che nel 1984 la produ- 
zione raggiunse i 16.000 milioni di 
dollari e nel 1985 i 18.600. Poi, come 
abbiamo visto, i neonati mafiosi co- 
lombiani si riciclàno e costituiscono 
i famosi Cartelli di Medellin, Cali e 
Bogota' per raffinare e vendere la 
coca II mercato tira, il Congresso 
degli Stati Uniti calcolache la vendi- 
ta di droghe negli Stati Uniti ha tota- 
lizzato nel 1987, 75 miliardi di dol- 
lari. Solo in Florida i depositi ban- 
cari derivanti dal narcotraffico am- 


montano a 80 miliardi di dollari. I potere mafioso non perfettamente 

narcotrafficanti iniziano un proficuo controllabili in territorio USA, non 

rapporto di collaborazione con la deve essere piaciuto prima all'am- 

CIA, vendendo marijuana e cocaina ministrazione Reagan, poi a quella 

ad alcuni ufficiali corrotti cubani nel di Bush. Allora i narcotrafficanti co- 

tentativo di incastrare Fidel Castro iombiani sono diventati un nemico 

come narcotrafficante, cosi’ come da battere ed e’ stata intensificata la 

poi sono riusciti a fare con Noriega 'guerra ed narcotraffico', non per 

a Panama e rimandare cosi’ la rest- fare, almeno per il momento, come 

ituzione del Canale ai panamensi nel caso della *Gold Santa Marta', 

(vedi processo al generale Ochoa e ma giusto per dare unattratad'orec- 

ad altri ufficiali cubani nel luglio ’89). chi ai vari Escobar & C. Concluden- 

Contemporaneamente le multine- do la cocaina come l’eroina e' una 

zionali chimiche, come le statuniten- 'super merce', perche' viene volu- 

siKodakeParke-Davis, insieme alle tamente mantenuta nella illegalita' e 

loro consociate europee, incremen- perche’ da la sensazione di *star 

tano i loro profitti fornendo tonnel- bene', anche se solo per poche ore 

late di prodotti ai vari Escobar, -cosa sempre piu’ difficile in questa 

Gacha, Ledher, che li utilizzano per società’ - e quindi permette margini 

estrarre e raffinare la cocaina. Poi di guadagno enormi. E', purtroppo, 

pero’ i narcotrafficanti colombiani ovvio che in una società’ in cui i 

sono diventati troppo potenti, hanno massimi valori sono la ricchezza e il 

iniziato ad investire negli Stati Uniti, profitto, per la cocaina e l'eroina si 

hanno preso contatti con i fuoriusciti uccide e si sfrutta piu’ che per le altre 

cubani negli USA, che formano pie- merci. Solo una cultura Iella lib- 

cole cosche mafiose, ponendo in erezione che faccia crescere una 

pericolo lo strapotere di 'Cosa Nos- battaglia perche’ tali sostanze ven- 
tre', della Triade' o di altre grosse gano svincolate dalla logica tremen- 

famiglie mafiose USA, perfet- da, perfidaecinicadel mercato capi- 
tamele integrate nell'economia talistico può’ evitare che storie simili 

statunitente. Il nascere di centri di si ripetano. 



9 





GIORNALE TELEMATICO 



LIBERTA’ PER CELESTE E ROBERTO 

LIBERTA’ PER TUTTI I COMUNISTI